Mer. Feb 1st, 2023
netflix

Netflix è in perdita, secondo gli esperti del settore.

Nonostante un 2019 attivissimo che ha visto l’uscita di serie cult come Stranger Things, Casa de Papel, The Politician e The Witcher, quest’ultima ispirata ai libri di Andrzej Sapkowski dopo il grande successo ottenuto dall’omonimo videogioco sviluppato dai ragazzi di CD Project, i ricavati non sembrano essere sufficienti a coprire i costi a cui va in contro la piattaforma di streaming.

Anche l’affermazione di nuove piattaforme come Disney+ o Amazon Prime incidono sull’esclusività dei contenuti proposti da Netflix e molte serie, come quelle della Marvel, hanno ormai trovato casa da un’altra parte, riducendo così il catalogo offerto dal colosso californiano.

Per fermare questo trend negativo, Netflix ha aumentato di 1-2€ gli abbonamenti Standard e Premium e in Paesi come la Malesia e l’India sono stati introdotti alcuni abbonamenti a basso costo per sistemi mobili. Nonostante questo, Netflix continua a spendere di più di quello che guadagna.

La produzione di nuove serie, l’acquisto di nuovi prodotti e la pubblicità costano circa 15 miliardi di dollari l’anno a Netflix che adesso si trova nella posizione di valutare l’introduzione di un sistema di pubblicità simile a Spotify per superare questo periodo di crisi.


Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Instagram
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Google News
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram