Sanremo 2018, Ermal Meta e Fabrizio Moro accusati di plagio per “Non mi avete fatto niente”

7 Febbraio 2018 Off Di Stefano T. Vilardo
Sanremo 2018, Ermal Meta e Fabrizio Moro accusati di plagio per “Non mi avete fatto niente”

Scoppia la prima polemica del Festival di Sanremo 2018: la canzone presentata dall’inedito duo formato da Fabrizio Moro ed Ermal MetaNon mi avete fatto niente – è finita sotto accusa per un presunto plagio.

Sanremo 2018, “Non mi avete fatto niente” è plagio?

Al primo ascolto qualcosa già sembrava familiare e già qualcuno sui social aveva sollevato il caso ma durante il Dopofestival condotto da Edoardo Leo, Carolina Di Domenico e Sabrina Impacciatore un giornalista ha preso la parola facendo notare una somiglianza eccessiva con la canzone Silenzio, presentata a Sanremo Giovani 2016 da Ambra Calvani e Gabriele De Pascali.

Non parliamo di similitudini, o di qualche nota, ma dell’intero ritornerllo che sembra sia stato copiato per intero:

Il ritornello della canzone “Silenzio” é:

Non mi avete tolto niente, non avete avuto niente, questa è la mia vita che va avanti oltre tutto e oltre la gente. Non mi avete fatto niente”.

Quello di “Non mi avete fatto niente” è invece:

“Non mi avete fatto niente, non mi avete tolto niente. Questa è la mia vita che va avanti, oltre tutto, oltre la gente”. 

Sanremo 2018, si aspetta la conferenza stampa

Vero è che l’autore del pezzo del 2016 è anche uno degli autori del pezzo di Fabrizio Moro ed Ermal Meta ma a livello di regolamento come sarà presa la notizia? Il duo è il favorito alla vittoria del Festival e il pezzo è piaciuto molto sia al pubblico che alla giuria demoscopica tanto che è subito schizzato nella parte alta della classifica.

Cosa succederà dopo questa accusa di plagio? Occhi puntati alla conferenza stampa che si terrà attorno a mezzogiorno.

Ecco la differenza tra i due brani.

https://www.youtube.com/watch?v=nbUnOR_Vcdw


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui