Fedez, ecco alcuni stralci dell’intervista da Maurizio Costanzo

16 Settembre 2018 Off Di Stefano T. Vilardo
Fedez, ecco alcuni stralci dell’intervista da Maurizio Costanzo

Fedez, alcuni stralci de L’Intervista di domani sera

Torna lunedì il grande appuntamento condotto da Maurizio Costanzo con “L’Intervista” su Canale 5 in seconda serata con Fedez. Il rapper, fresco di matrimonio, si racconterà ripercorrendo la sua carriera discografica e la sua vita privata, sicuramente in un modo come mai prima d’ora era stato fatto in tv.

Successo
Fedez: Non c’è mai stata la ricerca ossessiva del successo da parte mia, c’è sempre stata un’urgenza espressiva e la voglia di ampliare il proprio pubblico, non c’è mai stata la ricerca della fama in sé… […] il successo mi ha cambiato, mi ha reso ciò che sono, inevitabilmente, nel bene e nel male.
Costanzo: Ciò che volevi essere?
Fedez: Ciò che volevo essere e anche ciò che non avrei mai voluto essere, un po’ in mezzo tra quello che ho sempre odiato e quello che avrei voluto essere.
Costanzo: Parliamone, cos’è che hai sempre odiato?
Fedez: Da piccolo avevo delle convinzioni, degli ideali, inevitabilmente sono diventato ciò che ho sempre odiato, appartenendo a classi subalterne e affrontando anche tematiche sociali, venivo da una estrazione fortemente connotata politicamente, però, inevitabilmente, il mio imborghesimento artistico e personale mi ha fatto diventare un po’ una contraddizione vivente.

Genitori
Costanzo: Da quello che dici mi sembra che sia bello il rapporto con i tuoi genitori…
Fedez: Sì, è sicuramente migliorato nel tempo  […] siamo una famiglia con pochi fronzoli, io e mia mamma penso che ci diciamo “ti voglio bene” una volta all’anno, solo in occasioni speciali […] sprechiamo poche parole ma viviamo molto il rapporto.

Fedez, le dichiarazioni sul figlio e sulla moglie

Costanzo: Ti ho visto gli occhi lucidi quando è comparso Leone.
Fedez: E vabbè…è normale.
Costanzo: Sii contento di questo perché non credo ci sia gioia maggiore…
Fedez: Sono d’accordo…

Fedez: Con Chiara ci fu da subito un’affinità che era fuori dal comune […] penso che sia una persona estremamente intelligente e estremamente positiva. Per me è stata una sorta di medicina perché io sono praticamente l’opposto, io sono una persona molto cinica. Sono una persona poco spensierata. Quando c’è da vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto io vado verso il vuoto e il problema è che il vuoto ti può anche risucchiare […] lei cerca di vedere il bene e il bello in tutto e di conseguenza riesce a godersi le cose come io non sono mai riuscito a fare prima di lei.

Il programma L’intervista è scritto da Maurizio Costanzo. Prodotto da Fascino P.g.t. per Mediaset. La regia è curata da Valentino Tocco.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui