Lun. Lug 26th, 2021

Bandersnatch, l’episodio interattivo di Black Mirror, è ispirato ad un vero videogioco

Sulla piattaforma di streaming on demand più famosa del globo, Netflix, è da poco uscito “Bandersnatch” ovvero l’episodio interattivo della serie Black Mirror. Si tratta di un’innovazione nel settore in quanto lo spettatore, con un semplice click, può decidere quali azioni far compiere ai personaggi principali. A quanto pare gli  ideatori della serie originale di Netflix hanno preso spunto da un videogioco degli anni ’80, riuscendo anche allora a destare molto successo.

Imagine Software: l’azienda che doveva lanciare il famoso videogioco

L’episodio interattivo di Black Mirror  è ambientato nel 1984, e narra la storia di un giovane sviluppatore di videogiochi. Per l’ideazione di un videogioco si è ispirato ad un romanzo intitolato, per l’appunto, Bandersnatch. Ma Bandersnatch è anche il titolo di un videogioco ideato, all’epoca, dall’azienda Imagine Software che è stata fondata nel 1982. Il gioco però non fu mai immesso sul mercato per via della dirigenza e del management dell’azienda che non ha mosso i giusti passi. Complice fu anche la crisi del mercato videoludico che interessò il settore nel 1983. Successivamente l’azienda provò a rilanciare con Brataccas, contenente la stessa struttura e lo stesso obiettivo di Bandersnatch. Esso è il primo vero e proprio tentativo di realizzare un videogioco interattivo fatto di esplorazione e dialoghi a scelta multipla, così come accade nel più moderno episodio interattivo di Black Mirror.

 

 


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui





Di serenazingalemagro

Ho 29 anni e ho sempre avuto la passione per la scrittura. Ancora oggi mi piace dilettarmi con argomenti sempre diversi: per Nonsolo.tv mi occupo di notizie di attualità, musica e televisione.