Ven. Gen 27th, 2023

Il Salone del Libro di Torino, la storica manifestazione che da anni raggruppa in se i più grandi scrittori odierni e celebra quelli passati, avrà l’edizione del 2019 che sarà ricordata purtroppo per lo scandalo Alta Forte e Polacchi.

La casa editrice filo-Fascista e lo scrittore di estrema destra (nonchè biografo personale del vice-premier/Ministro dell’interno Matteo Salvini, Lega Nord) Polacchi sono stati invitati per poter presentare i loro lavori, scatenando un putiferio in diversi ambienti politici.

Alcuni giganti della letteratura italiana hanno deciso di non partecipare al Salone, tra questi possiamo trovare: il celebre e bravissimo fumettista Zero Calcare, il quale ha detto che non può assolutamente «pensare di rimanere 3 giorni seduto a pochi metri dai sodali di chi ha accoltellato i miei fratelli»; anche Halina Birenbaum, sopravvissuta al lager e scrittrice ha detto che  “Non si puo chiedere ai sopravvissuti di condividere lo spazio con chi mette in discussione i fatti storici che hanno portato all’Olocausto, con chi ripropone un’idea fascista della società. Usciremo dal Salone del libro per entrare nella città”.

Anche i 5stelle torinesi si sono schierati contro la decisione del Sindaco Chiara Appendino (appartenente anche lei allo stesso partito) di dare accesso a tali persone.

Una voce fuori dal coro però viene dallo scrittore Sandro Veronesi, il quale ha invitato tutti a non disertare il Salone,essendo comunque un’occasione di confronto e di cultura.

Lorenzo Carbone


Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Instagram
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Google News
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram


Di Lorenzo Carbone

31 anni, genovese e mugugnone come è giusto che sia, insegnante di italiano, impiegato e nerd incallito. Pseudo scrittore di 3 libri.