Ven. Feb 3rd, 2023

E anche questo ultimo episodio di Guerre Stellari, è andato e oggi, vorrei fare una recensione assolutamente Spoiler Free inerente “Star Wars: l’Ascesa di Skywalker“, uscito il 18 dicembre ed ultimo episodio della cosiddetta “Trilogia Sequel“, preceduto dai due episodi intitolati : Il risveglio della Forza (2015) e Star Wars: Gli ultimi Jedi (2017) .

L’ Ascesa di Skywalker” inizia con un incipit al cardiopalma, il quale vede i due personaggi principali della terza trilogia: Rey e il Leader Supremo Kylo Ren (il cui vero nome è Ben Solo), che cercando di raggiungere il crudele Signore dei Sith, Sheev Palpatine, il quale è tornato in vita.

La storia procede in maniera poco scorrevole, con numerosi “buchi di trama” tappati all’ultimo con teorie interessanti ma alquanto nebulose.

La telecamera agli inizi del film è alquanto confusionaria, non facendo comprendere al meglio che cosa stia accadendo, facendo perdere un sacco di Pathos a tutto il film. La sceneggiatura regge, molto meglio rispetto ai primi due film, ma risente ancora degli errori (anche gravi) dei predecessori.

Il secondo tempo è ben diverso, quasi come se J.J Abrams volesse riparare al primo tempo non entusiasmante. Le battaglie e i dialoghi sono avvincenti, ben articolati, con ancora qualche buco di trama e certe trovate un po’ troppo “Disneyane” per i puristi come il sottoscritto, ma il tutto è estremamente godibile e scorrevole.

Lo scontro finale è mozzafiato, chiaro e limpido, che strizza l’occhio agli episodi precedenti e ai fumetti della serie “Legends” (resi ormai Non-Canon dalla Disney).

La colonna sonora è mozzafiato, mai noiosa e sempre inerente, rivisitando grandi classici come “La Marcia Imperiale” che hanno sempre il loro impatto sugli spettatori.

Il giudizio finale è alquanto altalenante: il film di per se è buono, in certi casi molto buono, ma è plagiato dai due prequel che non erano ASSOLUTAMENTE all’altezza dei precedenti episodi della saga di Lucas. Il cuore vorrebbe dare un 8 a “L’ Ascesa di Skywalker“, ma il cervello e il mio voler essere obiettivo lo costringono a dargli un tiratissimo 7.

Mi auguro che questa sia la fase della saga cinematografica di Guerre Stellari, la quale lascerà lo spazio a opere molto più interessanti e avvincenti, come appunto, il già citato The Mandalorian

Lorenzo Carbone

 

 


Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Instagram
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Google News
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram


Di Lorenzo Carbone

31 anni, genovese e mugugnone come è giusto che sia, insegnante di italiano, impiegato e nerd incallito. Pseudo scrittore di 3 libri.