Facebook, tracciamento dei sintomi a livello globale per misurare la diffusione di COVID-19

20 Aprile 2020 Off Di Mario Barba
Facebook, tracciamento dei sintomi a livello globale per misurare la diffusione di COVID-19

Due settimane dopo aver iniziato a intervistare gli utenti sui sintomi della malattia nel tentativo di tracciare la diffusione di COVID-19, Facebook ha detto lunedì che i primi risultati hanno mostrato promettenti – e che lo sforzo si estenderà a livello internazionale a partire da mercoledì. La Carnegie Mellon University, che conduce il sondaggio, ha detto che 150.000 persone al giorno stanno ora inviando segnalazioni di sintomi dopo aver cliccato su un link nel News Feed. L’università non condivide alcuna informazione sui sintomi su Facebook.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Iscriviti al nostro canale Telegram!

E seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui


In un editoriale del Washington Post, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha affermato che i risultati iniziali condivisi da Carnegie Mellon sono correlati ai dati pubblici sui casi confermati di COVID-19, un segnale importante che le indagini sui sintomi saranno presto in grado di prevedere la diffusione della malattia. Facebook utilizzerà i dati aggregati dell’università per produrre mappe interattive basate sulle indagini sui sintomi e le aggiornerà quotidianamente.

Ho sempre creduto che aiutare le persone a riunirsi come comunità ci aiuterà ad affrontare le nostre più grandi sfide – non solo condividendo le nostre esperienze e sostenendoci l’un l’altro nelle crisi, ma anche lavorando insieme in scala per risolvere i problemi”, ha scritto Zuckerberg. “Il mondo ha già affrontato pandemie in passato, ma questa volta abbiamo una nuova superpotenza: la capacità di raccogliere e condividere dati per il bene. Se lo usiamo in modo responsabile, sono ottimista sul fatto che i dati possano aiutare il mondo a rispondere a questa crisi sanitaria e a farci imboccare la strada della ripresa“.

Facebook ha anche annunciato una partnership con l’Università del Maryland per iniziare a raccogliere dati sui sintomi a livello globale. Se gli utenti di Facebook segnaleranno i sintomi nei loro paesi a tassi simili a quelli della loro partecipazione negli Stati Uniti, i dati potrebbero rivelarsi una mappa efficace dei potenziali punti caldi in tutto il mondo, ha detto Ryan Tibshirani, professore associato alla Carnegie Mellon che sta aiutando a guidare la partnership della scuola con Facebook.

In un’intervista con The Verge, Zuckerberg ha detto che le mappe globali potrebbero servire come un controllo della realtà in luoghi in cui i funzionari eletti sono stati lenti a riconoscere la diffusione di COVID-19 all’interno dei loro confini.

Alcuni di questi governi, francamente, non sono entusiasti che il mondo sappia quanti casi reali potrebbero esserci, o indicatori di come si sta diffondendo nei loro paesi. Quindi è molto importante far uscire quei dati“.

Mentre la pandemia si è diffusa in tutto il mondo, Zuckerberg ha cercato di dimostrare come la massiccia portata globale di Facebook possa essere utilizzata per aiutare i leader e i funzionari della sanità pubblica a prendere decisioni più informate sulla loro risposta alla pandemia. Il mese scorso, Facebook ha iniziato a inserire un “COVID-19 Information Center” nel News Feed, mostrando agli utenti le informazioni controllate dalle autorità sanitarie pubbliche. Più di 350 milioni di persone hanno utilizzato il centro fino ad oggi, ha detto Zuckerberg.

Le mosse arrivano man mano che Facebook rimane sotto controllo per le sue pratiche relative alla concorrenza, alla privacy dei dati, e che permettono la diffusione di informazioni errate. L’azienda è oggetto di indagine da parte della Commissione Federale del Commercio e di una coalizione di procuratori generali degli Stati su questioni di antitrust e privacy.

Con l’aggravarsi della pandemia, Facebook ha lavorato per mostrare come i dati aggregati e anonimi raccolti su scala globale possano essere una forza positiva. All’inizio di questo mese l’azienda ha anche rilasciato mappe della mobilità che utilizzano la posizione dello smartphone per illustrare il grado di conformità degli americani agli ordini di permanenza a casa dello stato. (Google ha rilasciato uno strumento simile utilizzando i propri dati di localizzazione).

Allo stesso tempo, l’azienda è stata oggetto di continue critiche per il suo ruolo nella diffusione di informazioni errate relative al coronavirus e, più recentemente, per il suo utilizzo nell’organizzazione di proteste contro gli ordini di soggiorno a domicilio. A un certo livello, le iniziative aziendali di Facebook per ridurre i danni generati dalla pandemia sono minate dal comportamento della sua base di utenti – e a questo punto non è chiaro quale di queste si rivelerà alla fine più consequenziale.

In un annuncio separato, lunedì, Facebook ha annunciato ulteriori partnership con i ricercatori per utilizzare le tecniche di machine learning per fare ulteriori previsioni. A New York, l’azienda sta lavorando con la New York University e la Cornell University per creare previsioni sulla diffusione della malattia a livello di contea, nonché previsioni su come un aumento dei casi influenzerà la domanda di servizi, ventilatori e dispositivi di protezione individuale negli ospedali della zona. Un approccio utilizzerà la tecnologia di apprendimento automatico di Facebook per analizzare radiografie non identificate e tomografie computerizzate nel tentativo di prevedere gli esiti dei pazienti e la domanda di attrezzature.

Zuckerberg ha affermato che, sebbene Facebook non cercherà di interpretare i dati sui sintomi che condivide con i ricercatori, le sue dimensioni gli hanno permesso di dare un contributo significativo alla risposta della sanità pubblica.

Quello che possiamo fare è aiutarli ad ottenere un sondaggio per un gran numero di persone in modo rapido e quotidiano“, ha detto. “Dal momento che abbiamo una comprensione di base di chi sono le persone, possiamo assicurarci che il campione sia campionato correttamente” Ci troviamo in una posizione relativamente unica in cui non credo che ci siano molte istituzioni al mondo in grado di sostenere un sondaggio come questo – in tutto il paese, e tanto meno in tutto il mondo”.