Mar. Gen 31st, 2023
Satisfaction

I Rolling Stones sono indissolubilmente legati al brano ‘(I Can’t Get No) Satisfaction’.

Uno degli attacchi di chitarra più famosi di tutti i tempi ha visto la luce 55 anni fa.

Come ogni capolavoro che si rispetti, anche in questo caso la nascita di questa canzone è avvolta da un insolito aneddoto.

55 anni fa, Keith Richards si trovava al Fort Harrison Hotel di Clearwater, in Florida; nonostante la stanchezza, continua a strimpellare la sua chitarra. E lì avviene il miracolo. Il chitarrista improvvisa un riff niente male, a suo parere, che decide di registrare prima di andare a dormire.

Ancora stordito dalla notte trascorsa a comporre aiutato, da fiumi di liquidi di altra gradazione nel suo bicchiere, Richards decide di ascoltare il contenuto inciso nelle due piste del nastro, non ricordando assolutamente come e quando il supporto fosse stato azionato. Il risultato è dato dalle note introduttive del brano che darà loro molta soddisfazione e successo immediato.

In quei due minuti risiede “(I Can’t Get No) Satisfaction”, una delle canzoni più famose dei Rolling Stones divenuta negli anni una vera e propria icona.

Il testo della canzone rappresenta un urlo generazionale, il grido dei giovani di metà anni sessanta, quei ragazzi che non si sentono accettati dalla società.

I tempi erano diversi e i giovani sono cambiati pur conservando la stessa insoddisfazione apparente o reale. Eppure i giovani, gli adolescenti, continueranno a non sentirsi compresi da parte di un mondo di cui ancora non fanno parte appieno.

Ecco allora che questo brano diventa un evergreen, sempre attuale, in grado di farci reclamare a squarciagola tutta la “SATISFACTION” a cui ambiamo.


Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Instagram
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Google News
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram