Menage a trois sulle rive del Ticino in pieno giorno: scandalo tra i bagnanti

13 Agosto 2020 Off Di Alessia D'Anna
Menage a trois sulle rive del Ticino in pieno giorno: scandalo tra i bagnanti

Un Menage a trois in pubblico sulle spiagge del Ticino ha lasciato di stucco alcuni bagnanti presenti sul posto. Vero è che trattasi di spiagge di nudisti e scambisti, ma è vero anche che non esiste più limite al nulla su queste spiagge.

E così la scorsa domenica, in località Castelletto di Cuggiono un uomo e due donne hanno superato il limite del consentito. A lamentarsi sono gli stessi bagnanti che si trovavano al Ticino per alcune ore di relax.

Lo shock dei bagnanti

A raccontare l’accaduto, Andrea, del posto “Ero con alcuni amici lungo una spiaggetta verso Bernate quando un uomo e due donne hanno consumato un rapporto in piena regola. Davanti a tutti e come se nulla fosse e senza minimamente preoccuparsi di infastidire chi prendeva il sole. Sono anni che vengo in queste zone, ma fino a questo punto non si erano mai spinti”.

Sebbene qualcuno abbia ripreso la scena con il cellulare, i tre hanno continuato indisturbati il loro rapporto. Nonostante le minacce di chiamare la polizia, non è intervenuto nessuno, quindi niente denunce e niente multe.

Una vera e propria vergogna considerato che spesso anche i bambini sono presenti. Dunque è inammissibile che vengano commessi atti osceni alla luce del sole senza preoccuparsi di niente, non è una bella cosa da vedersi.

Avvertimento dei cartelli

Nei pressi di Bernate Ticino, ci sono dei cartelli che recitano: “Attenzione possibili atti osceni nel tratto di fiume Castelletto Bernate”.

Un covo di trasgressione insomma, che priva a persone normali della possibilità di viversi le bellezze del fiume azzurro.

Una donna ha commentato: “Ormai non c’è più limite al peggio servirebbero controlli serrati, divieti, sanzioni e denunce. E’ inconcepibile una situazione di questo genere. Non esistono più regole. C’è chi arriva per fare il barbecue e lascia in giro i rifiuti e chi si comporta come se fosse a casa sua. Il Ticino è di tutti, anche di coloro che non vogliono vedere quelle cose. Sono loro ad essere nel torto in situazioni come questa”.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui