Lun. Ott 18th, 2021

Morto nel 2006, Mario Merola è stato uno dei più grandi artisti prodotti da Napoli, che la napoletanità ha portato in auge (assieme alla sceneggiata, che per primo portò fuori dal palcoscenico – diventando a tutti gli effetti prodotto culturale audiovisivo).

Sposatosi con Rosa Serrapiglia nell’aprile del ’64, ha avuto tre figli: Michele Roberto, Loredana e Francesco.

I due maschi hanno sempre lavorato nell’ambito musicale, con Michele Roberto nelle vesti di organizzatore mentre Francesco si è dato al canto – vincendo assieme al padre il Festival di Napoli del 2001 con il brano ‘L’urdemo emigrante’ (‘L’ultimo emigrante’).

Ma parliamo più nel dettaglio del figlio minore che ha seguito le orme del padre, Francesco.

Nato a Napoli l’8 settembre 1970, è stato chiamato Francesco in onore a Franco Franchi, grande amico del padre e padrino di battesimo del piccolo Francesco.

Oltre all’esperienza a fianco del padre in occasione del Festival di Napoli può vantare un tour in giro per l’Italia con il recital ‘Il lungo viaggio continua’, sempre assieme al padre: era il 2005 e il recital rappresentava una rivisitazione del grande repertorio della canzone classica napoletana, una occasione per Mario Merola di raccontarsi attraverso le sue canzoni.

La tournée proseguì anche l’anno seguente, prima di essere interrotta per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute.

Dopo la morte, nel 2008, assieme al fratello ha lanciato a Napoli un ristorante-museo (Felicissima Sera) dove è possibile mangiare e vedere foto, oggetti, dischi, poster, abiti di scena, lettere, copertine e titoli di giornali dedicati al grande Mario.

Poco si sa della vita privata di Francesco Merola se non che ha una compagna (Marianna Mercurio) con cui sta assieme nonostante un periodo di frizione con tanto di rottura (poi rientrata) annunciata sui social il 27 maggio:

“È con grande rammarico che bisogna accettare… Amare non significa andare d’accordo… purtroppo io e Francesco abbiamo deciso di troncare per il bene di entrambi… so che non è necessario raccontare della propria vita privata ma per rispetto di chi ci ha seguito e sostenuto abbiamo trovato giusto il chiarimento… ci siamo amati da morire e fino a qualche giorno fa ci abbiamo riprovato… pur amandoci non ci siamo incontrati su tutto e per non distruggere qualcosa di meraviglioso… abbiamo capito che per la pace era più giusto troncare…”.

Parlando di social, l’artista ha un discreto seguito su Instagram (dove ha quasi 27mila follower) e su Facebook (dove il suo profilo personale è seguito da quasi 48mila utenti) dove mostra le sue attività e le sue passioni, fra cui il Napoli.

Quella per la compagine partenopea d’altra parte è una passione di famiglia: il padre Mario era grande appassionato e in gioventù si era anche cimentato come terzino.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui