Focus, dal 17 maggio il rilancio del canale su Mediaset

14 Maggio 2018 Off Di Stefano T. Vilardo

Focus, il canale viene rilanciato nella squadra Mediaset

Parte il 17 maggio il nuovo canale Mediaset Focus al canale 35 del telecomando (Italia 2 passerà al canale 120) Si tratta del secondo lancio del canale dedicato alle scienze naturali, pseudoscienza e storia nato in collaborazione con il famoso mensile omonimo edito Mondadori. Il canale fino ad aprile scorso era sotto la guida di Discovery.

Nelle conferenza stampa di presentazione di stamane sono stati sciolti alcuni dubbi e rivelate alcune novità. Gian Paolo Parenti, channel maneger del canale, ha spiegato:

“L’offerta sarà organizzata in 5 prime serate a tema fisso: la domenica dedicata alla natura e agli animali con documentari di tagli classico selezionati tra quelli con il miglior potenziale in termini di spettacolarità dell’immagine; lunedì dedicato allo spazio seguendo i filoni dell’astrofisica e dell’astronomia ma anche raccontando i viaggi spaziali e le stazioni spaziali internazionali; il martedì dedicato all’antropologia, alla storia dei miti e delle religioni; il mercoledì dedicato ai cicli doc; il giovedì dedicato al cinema; venerdì dedicato alla storia del Novecento, quindi storia politica, militare e sociale; sabato dedicato all’ufologia, al paranormale… sarà un “focus off topics””.

Qualche mese fa si era parlato di un alta probabilità che Roberto Giacobbo passasse a Mediaset e diventasse il volto di Focus. Sarà così? Ecco cosa è stato detto in conferenza a riguardo.

“Ci piacerebbe avere dei volti umani, ancora non ce l’abbiamo perché essendo un canale tematico non ne abbiamo una necessità. Stiamo cercando di avere più facce e più volti. Giacobbo è ancora un dipendente della Rai per quanto ne sappiamo, non può essere il volto di Focus in questo momento. Avevamo pensato all’inizio di usare un avatar come volto, ma l’abbiamo escluso perché ci sembrava fuori luogo”

Il canale, nasce dalle radici del omonimo mensile, e dal presente canale edito da Discovery. Cosa non ha funzionato con il vecchio editore?

Mandelli: “Andava a naturale scadenza il contratto con Discovery e, senza litigi o problemi di sorta, ci siamo separati. Ora abbiamo preferito metterci al tavolino con Mediaset e lavorare in casa”. Paolini: “Non è escluso che qualche nostra generalista possa avere un brand di blocco su Focus. La mattina d’estate di Canale 5 abbiamo sempre trasmesso documentari, non è esclusi che questi derivino da Focus”


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui