Morgan svela: “Dopo lo sfratto sono in uno sgabuzzino pieno di insetti”

10 Settembre 2019 Off Di Sara Fonte
Morgan svela: “Dopo lo sfratto sono in uno sgabuzzino pieno di insetti”

Morgan non sta bene dopo lo sfratto, ecco dove vice adesso il cantautore

La storia dello sfratto di Morgan ha fatto discutere molto negli ultimi mesi, il noto artista ha fatto di tutto per salvare la sua casa ma non c’è riuscito.

Come sta oggi Morgan? Per il cantante la sua casa era tutto, ad oggi vive momenti davvero difficili. In un’intervista rilasciata ai Lunatici su Radio 2 ha dichiarato: “Sto molto male, non sono più lo stesso. Uno non ci pensa, ma quello che mi è successo equivale a uno stupro. E’ identico. La casa è importante, è la più importante cosa che hai.”

Il cantautore ha continuato dicendo: “Quando non sai ripararti dal freddo vai a casa e sopravvivi. Questo vale per tutti. Per una persona come me, che fa di quello che ha attorno un oggetto d’arte, lo è ancora di più. La mia casa era un’installazione. La mia casa è stata svenduta a 200.000 euro quando ha come valore di mercato 700.000 euro.”

E ancora: “E’ stata comprata da un maniaco che ha voluto la mia casa perché è un mitomane. Mi hanno portato fuori dalla mia casa con le armi. Io piango, ho tutto lì, tutti i miei progetti. Io stavo sempre in casa a studiare, non sono uno come J Ax o Fedez. Ora sono in uno sgabuzzino a china town a Milano con un sacco di insetti. Non sto più lavorando, prima facevo un sacco di cose, ora non faccio più niente”. “

Morgan non pensa che il giudice abbia valutato bene la sua situazione, a detta sua avrebbe dovuto fare meglio il suo lavoro, gli ha poi rivolto insulti e accuse. Il cantante ha infatti concluso dicendo: “Il giudice che ho incontrato io non è un giudice, è uno che non si sa perché è lì, è uno sbruffone. Dovrebbe sfruttare l’occasione per fare veramente il suo lavoro e pensare, ma evidentemente non ce la fa. Ora manderà tutto al macero”.

Sara Fonte


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui