Ven. Lug 23rd, 2021

Le microtransazioni, ovvero vere e proprie spese interne ad esso, che possono essere quindi considerate aggiuntive alla spesa iniziale nel qual caso il titolo sia a pagamento, sono sempre state una delle caratteristiche più odiate e  controverse della storia dei videogames, in particolar modo in questi ultimi anni, dove i cosiddetti free to play, come ad esempio League of Legends e Smite, ne hanno fatto un largo uso, scatenando l’ “ira” di molti clienti.

Fattore che gli sviluppatori Microsoft, i quali hanno detto che

“i nostri utenti più affezionati ci implorano di non aggiungere altre civiltà ai precedenti capitoli della serie, vogliono che ci dedichiamo ad altro ed è quello che intendiamo fare. Mentre sappiamo perfettamente in quale direzione vogliamo andare per supportare gli episodi precedenti, con AoE 4 ci lasceremo guidare dalla community sia per quanto riguarda i contenuti di lancio che per tutto ciò che avrà a che fare con le successive espansioni”.

Che ne pensate? Potrebbe essere la mossa vincente? Lo scopriremo solo alla release date del gioco

Lorenzo Carbone


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui





Di Lorenzo Carbone

31 anni, genovese e mugugnone come è giusto che sia, insegnante di italiano, impiegato e nerd incallito. Pseudo scrittore di 3 libri.