Final Fantasy VII Remake: come prima, più di prima!

6 Aprile 2020 Off Di Mario Barba
Final Fantasy VII Remake: come prima, più di prima!

Come per l’originale, Final Fantasy VII Remake si concentra su un super-soldato mercenario e geneticamente potenziato chiamato Cloud Strife. All’inizio del gioco, Cloud è stato ingaggiato da Avalanche, un gruppo ambientalista che cerca di far saltare in aria un reattore che ritiene stia danneggiando il pianeta. Inizialmente, il conflitto è chiaro: c’è una megacorporazione stereotipicamente malvagia chiamata Shinra che sta succhiando energia chiamata Mako dalla terra per alimentare l’enorme città di Midgar, e Avalanche è un gruppo di straccioni che vuole porre fine a tutto questo.

La storia è tristemente contorta e confusa, ma il remake in realtà fa un ottimo lavoro per spiegare gran parte della trama. Dato che l’esperienza è incentrata specificamente su Midgar, una metropoli che esiste solo grazie allo sfruttamento del pianeta da parte della Shinra, è facile capire dove il gioco vuole andare a parare. È solo verso la fine che il gioco comincia a intrecciarsi negli elementi più complessi. Ma FFVIIR si espande anche su aspetti inediti dell’originale per aiutare a dare più spessore al mondo. Per esempio, nel primo gioco, Avalanche era un minuscolo gruppo che si trovava nel seminterrato di un bar; qui si impara che in realtà si tratta di una sola cellula di un’organizzazione molto più grande. E, cosa ancora più importante, personaggi che una volta erano poco più di un nome, ora sono diventati persone completamente indipendenti e ben caratterizzate. Il membro di Avalanche Jessie, in particolare, è passato da qualcuno che ricordavo a malapena a uno dei personaggi più iconici della storia.

Nel complesso, la storia ha molto più senso. Anche per i fan di lunga data, la profondità aggiunta significa che i momenti più importanti hanno più impatto. Sapevo già molto di quello che sarebbe successo nel gioco – gli elementi principali della storia rimangono gli stessi, e in alcuni casi le scene sono quasi identiche all’originale – ma qui possono assumere nuovi significati ed emozioni. Quando si perdono i personaggi si sentono più ripercussioni, e si vedono anche le conseguenze delle proprie azioni dopo aver attaccato la Shinra.

Fondamentalmente, FFVIIR fa questo senza prendersi troppo sul serio. Certo, Cloud è triste come sempre, e il mondo è oscuro e opprimente. Ma diventa anche piuttosto strano. Una delle scene più controverse di FFVIIR prevede il cross-dressing di Cloud per intrufolarsi in un’istituzione poco raccomandabile. Non è una scena che è invecchiata particolarmente bene, ma il remake la trasforma in qualcosa di divertente, completa di una sequenza di danza ritmica che mantiene la predilezione dell’originale per strani minigiochi di genere.

Il remake è più di una semplice revisione visiva e narrativa. Gli sviluppatori di Square Enix hanno anche modernizzato gran parte del gameplay. L’esempio più ovvio è il combattimento. La versione del 1997 del gioco era un classico RPG a turni, in cui tu e i tuoi nemici avreste attaccato a turno, guarito e lanciato incantesimi. Il remake è molto più orientato all’azione. Le battaglie avvengono in tempo reale, e al suo livello più elementare, FFVIIR è un po’ come un picchiaduro. Ma c’è una profondità nascosta. Si possono usare attacchi di base ogni volta che si vuole, ma ogni altra azione – usare oggetti, lanciare incantesimi, tirare fuori attacchi speciali – è a tempo. Nella maggior parte delle battaglie, ci si può semplicemente fare strada attraverso i nemici solo con la spada. Ma nei combattimenti più duri, capire quando guarire o risparmiare un colpo letale per il momento giusto diventano strategie cruciali.

Nel complesso, il combattimento è davvero ben fatto. È abbastanza veloce, eccitante e complesso da non rendere troppo noiose le battaglie con i nemici casuali. È particolarmente bello durante alcune delle grandi battaglie con i boss, che tipicamente richiedono un ulteriore livello di strategia. Ancora meglio, mentre è possibile controllare un solo personaggio alla volta, si può passare da un personaggio all’altro a piacimento. È un sistema piuttosto aperto, che permette di giocare come si vuole, ed è aiutato da opzioni di personalizzazione dei personaggi più articolate. Come nell’originale, è possibile ottenere nuovi incantesimi e abilità speciali inserendo sfere luminose chiamate materia nelle armi e nelle armature, ma ora c’è anche un albero delle abilità semplificato in modo da poter continuare a migliorare le proprie abilità. Non è molto profondo o complesso, ma rende sicuramente più allettante l’elemento RPG.

final fantasy VII remake

Per la maggior parte, le modifiche apportate al gioco hanno migliorato quest’ultimo. FFVIIR è incredibile, con un’azione soddisfacente e una storia più comprensibile. Ma ci sono alcuni elementi che sembrano datati – e alcuni di essi sono nuove aggiunte. Come ad esempio le missioni secondarie. Purtroppo, quasi tutte queste missioni sono una seccatura. Alcune hanno elementi narrativi divertenti, ma alla fine, tutte implicano l’andare da qualche parte a raccogliere un oggetto, uccidere qualche mostro, o entrambe le cose. Questo non è molto aiutato dal fatto che FFVIIR è un gioco estremamente lineare. Affrontare una sidequest non significa esplorare un mondo enorme, ma piuttosto costringe a percorrere l’ennesimo corridoio già visto e rivisto.

Anche alcune battaglie con i boss potrebbero risultare noiose. Nonostante molti siano intelligenti ed emozionanti, ce ne sono diversi che evocano l’aspetto peggiore dei JRPG, con nemici potenziati da massicce barre di salute che ci mettono una vita a cedere.

Forse la cosa più notevole di questo remake è che rende un gioco che ho giocato più volte negli ultimi 23 anni qualcosa di interessante e nuovo. Mentre i momenti fondamentali rimangono intatti, ci sono nuove aggiunte e modifiche che vale la pena di rivisitare anche per i fan di lunga data. C’è persino un nuovo filo narrativo sul destino che solleva ancora più domande. Non è chiaro quando arriverà il prossimo episodio – il gioco si conclude con la frase minacciosa “the unknown journey will continue” – ma il remake si conclude in modo sorprendentemente soddisfacente, considerando che non racconta una storia completa. Per lo più conclude la storia iniziale della Shinra e da quel momento in poi, Sephiroth sarà il vero grande cattivo.

Fino a quel momento, l’intera storia era stata contenuta a Midgar; poi, all’improvviso, si lascia la città e ci si rende conto di quanto sia grande il mondo. È quasi scioccante. Final Fantasy VII Remake è una tappa obbligata non solo per i fan di lunga data, ma anche per le nuove generazioni in cerca di un qualcosa di stampo classico ma al contempo perfettamente moderno. Midgar è spettacolare – ora, però, vogliamo vedere il resto del mondo.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui