Valorant, Riot vuole replicare il successo di League of Legends

10 Aprile 2020 Off Di Mario Barba
Valorant, Riot vuole replicare il successo di League of Legends

Il nuovo videogioco di Riot, Valorant, è una boccata d’aria fresca al sapore di originalità. Lo sparatutto in prima persona ha inaugurato la sua closed-beta martedì, grazie anche all’accordo di Riot con la piattaforma che ha permesso agli streamer più popolari di regalare le chiavi di accesso alla beta nel corso delle live.

Dopo aver guardato molte ore di gioco è chiaro che Valorant è un gioco iper-competitivo che si rivolge forse a una piccola fetta della community. Ma questo non ha importanza, perché sembra già abbastanza probabile che sarà il prossimo grande fenomeno di e-sport, nonostante la sua natura hardcore e il fatto che prende in prestito quasi ogni singolo componente del suo design dai precedenti titoli competitivi.

Questo in parte perché Valorant, anche nella sua forma beta, sta arrivando in un momento cruciale per la scena dei giochi competitivi. Gran parte del mondo degli e-sport ruota intorno alle arene online multigiocatore, o ai MOBA, come Dota 2 di Valve e il mai dimenticato League of Legends di Riot. Ci sono community di e-sports di nicchia, come quella dei picchiaduro, quelle che circondano i singoli giochi come la Rocket League di Psyonix, che esistono come sottoculture all’interno del più ampio campo degli e-sports, ma i MOBA regnano sovrani.

Solo i giochi realizzati da aziende con immense risorse come Activision Blizzard con la Call of Duty League e la Overwatch League e Epic Games con Fortnite hanno osato cercare di acquistare un posto al tavolo attraverso strutture di lega uniche, alti valori di produzione e massicci montepremi.

C’è, tuttavia, una grande eccezione: Counter-Strike. Probabilmente lo shooter tattico a squadre da cui Valorant prende in prestito quasi tutta la sua struttura, Counter-Strike è rimasto l’unico FPS competitivo e resistente all’industria in continua evoluzione e ancora inspiegabilmente popolare in tutto il mondo. Counter-Strike ha una fan-base globale che manca a Call of Duty, e si classifica ancora tra i giochi più giocati su Steam e i titoli più visti su Twitch, nonostante la sua uscita risalga a quasi otto anni fa. In questo momento, più di 1 milione di persone stanno giocando il gioco su Steam, il che lo rende quasi altrettanto popolare su PC dei quattro giochi migliori messi insieme.

È proprio per questo che Valorant sembra essere pronto per il successo. In parole povere, il gioco combina superpoteri specifici dei personaggi, fortemente influenzati da Overwatch, con un modello tattico di sparatutto tattico teso e ad alta intensità più o meno copiato da Counter-Strike: Global Offensive. Riot sta cercando di costruire un Counter-Strike moderno, che si rivolge a una generazione di fan dei MOBA cresciuti con l’idea di affinare la propria abilità con un eroe specifico con poteri unici e una “ultimate” da utilizzare nei momenti cruciali delle partite.

La squadra che vince 13 turni per prima vince l’intera partita. E, in generale, questo può richiedere dai 30 ai 40 minuti in su se si va ad affrontare una squadra ben assortita. Avere una mira e dei riflessi sovrumani, combinati con la capacità di prevedere le azioni dell’avversario e di comunicare e collaborare con i tuoi compagni di squadra determineranno in gran parte il tuo livello di successo. Imparare a usare le varie armi che si possono acquistare all’inizio di ogni round – caratteristica anch’essa presa in prestito da Counter-Strike – determinerà quanto si durerà nella partita.

I poteri sono lì per fare tanta scena e deliziare i neofiti con abilità da imparare e “masterare” ma, alla fine della fiera, qualsiasi altro giocatore può abbatterti con un colpo alla testa praticamente in qualsiasi momento, rendendo praticamente irrilevante qualsiasi potere.

valorant gameplay

Valorant è, soprattutto, un gioco tattico che richiede di comunicare con i compagni di squadra per avere successo e di giocare per l’obiettivo se si ha intenzione di sopravvivere. Questo livello di abilità e dedizione può significare magari il non raggiungimento dei livelli di popolarità tradizionali di Fortnite o Overwatch, ma il design del gioco posiziona Valorant come un’esportazione più accessibile rispetto a un titolo così caotico come Overwatch o un MOBA. Come ha dimostrato Counter-Strike nel corso degli anni, alcuni giochi, soprattutto i cosiddetti tactical-shooter di facile apprendimento, non hanno bisogno di 100 milioni di giocatori attivi per diventare degli e-sport popolari; è sufficiente una community dedita e disposta a seguire il gioco.

Valorant ha una lunga strada da percorrere. Non sappiamo esattamente quando uscirà ne se uscirà anche su console, e quali sono esattamente le ambizioni dell’e-sport di Riot. Ma il successo iniziale del gioco e la combinazione sorprendentemente efficace degli elementi Riot ha fatto di Valorant il gioco più entusiasmante degli ultimi anni. Ha il potenziale per diventare il prossimo League of Legends dell’azienda, ma questo dipenderà dal fatto che la somma delle sue parti possa dargli più “resistenza” di tutti i giochi da cui prende in prestito.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui