Donkey Kong, il Guinnes dei Primati toglie il record del mondo a Billy Mitchell

5 Maggio 2020 Off Di Mario Barba
Donkey Kong, il Guinnes dei Primati toglie il record del mondo a Billy Mitchell

Billy Mitchell, che ha raggiunto la fama di campione di punteggi alti nei videogiochi classici, sta facendo causa a Twin Galaxies per la decisione di togliere i suoi record precedenti e bandirlo dalle classifiche, secondo i documenti del tribunale visti da Ars Technica. Mitchell sostiene che la dichiarazione di Twin Galaxies è diffamatoria, e implica che sia un imbroglione. Un’udienza in tribunale è attualmente prevista per il 6 luglio.

Twin Galaxies ha annunciato la sua decisione di spogliare Mitchell dei suoi record di punteggio nell’aprile 2018, dopo che la sua indagine ha rivelato che non aveva raggiunto i punteggi più alti di Donkey Kong con l’hardware arcade originale. Mentre alcuni nella comunità hanno accusato Mitchell di usare il software di emulazione arcade MAME, Twin Galaxies ha detto di non avere abbastanza prove a sostegno di questa affermazione. Il Guinness dei Primati, che si era affidato a Twin Galaxies per verificare i punteggi di Mitchell, lo ha successivamente privato dei suoi record.

Mitchell ha diverse lamentele su come è stata gestita l’indagine, osserva Ars Technica. Dice che la decisione è stata “preordinata”, che Twin Galaxies si è rifiutato di ascoltare le testimonianze di 25 testimoni oculari, e che ha ottenuto i suoi record su “schede arcade certificate di fronte a centinaia di persone“.

Twin Galaxies, nel frattempo, sostiene che la sua indagine è stata approfondita e corretta. “Twin Galaxies ritiene che questo sia stato il punteggio di videogiochi più documentato e indagato professionalmente di tutti i tempi“, ha dichiarato il proprietario Jason Hall in una dichiarazione pubblica depositata presso il tribunale della contea di Los Angeles dove la causa è stata ascoltata.

L’indagine del sito ha tentato e fallito di utilizzare l’hardware originale della sala giochi per replicare le “immagini e gli artefatti” visti nei video presentati da Mitchell, ha detto Hall, e stava a indicare che i punteggi non avrebbero potuto essere ottenuti con l’hardware originale. La dichiarazione originale di Twin Galaxies nota che Mitchell ha avuto la possibilità di contribuire all’indagine, ma ha scelto di non farlo.

Mi è indifferente, in un modo o nell’altro, se i suoi punteggi Donkey Kong o altri punteggi compaiono nelle classifiche del sito web di Twin Galaxies“, ha scritto Hall in una dichiarazione pubblica, “La mia unica preoccupazione è quella di mantenere l’integrità delle classifiche”.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui