Domenica 10 maggio 2020, il vangelo del giorno e le parole del Papa: “Chiediamo al Signore per l’Europa che cresca unita”

10 Maggio 2020 Off Di NonSolo.Tv
Domenica 10 maggio 2020, il vangelo del giorno e le parole del Papa: “Chiediamo al Signore per l’Europa che cresca unita”

10 maggio 2020. Anche questa domenica, Papa Francesco ha presieduto la Messa a Santa Marta. Per l’occasione il Pontefice ha ricordato due recenti commemorazioni: la festa dell’Europa e l’anniversario della fine della seconda guerra mondiale nel vecchio continente.

Proprio pensando all’Europa, il Papa ha detto: “Chiediamo al Signore per l’Europa, oggi, che cresca unita, in questa unità di fratellanza che fa crescere tutti i popoli nell’unità nella diversità”.

Durante l’omelia, il Papa ha inoltre ricordato l’importanza della preghiera -come potete vedere nel passaggio che vi riportiamo nel video in coda.

Preghiera che deve essere un aspetto cardine della vita dei cristiani e degli uomini di chiesa in primo luogo che devono in qualche modo fungere da esempio per i fedeli.

In tal senso, riportiamo un estratto delle parole del Pontefice:

“Io ho conosciuto un sacerdote, un santo parroco, buono, che quando trovava un vescovo lo salutava, bene, molto amabile, e sempre faceva la domanda: “Eccellenza, quante ore al giorno Lei prega?”, e sempre diceva: “Perché il primo compito è pregare”. Perché è la preghiera del capo della comunità per la comunità, l’intercessione al Padre perché custodisca il popolo. La preghiera del vescovo, il primo compito: pregare. E il popolo, vedendo il vescovo pregare, impara a pregare“.

Vangelo domenica 10 maggio 2020

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 14,1-12

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: Vado a prepararvi un posto? Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi. E del luogo dove io vado, conoscete la via». Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?». Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto». Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: Mostraci il Padre? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse. In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre».

Domenica 10 maggio 2020, un passaggio dell’omelia di Papa Francesco


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui