La canzone più antica: ecco come la musica suonò la prima volta – VIDEO

12 Maggio 2020 Off Di Flavia Nicolosi
La canzone più antica: ecco come la musica suonò la prima volta – VIDEO

La storia della musica è antica quanto l’umanità stessa.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Iscriviti al nostro canale Telegram!

E seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui


Gli archeologi hanno trovato flauti primitivi fatti di osso e avorio risalenti a 43.000 anni fa ed è probabile che molti antichi stili musicali siano stati conservati nelle tradizioni orali.

Quando si tratta di brani specifici, tuttavia, gli esempi più antichi conosciuti sono relativamente più recenti.

Il titolo della più antica canzone esistente, secondo molti storici è “Inno Hurrn n. 6”, un’ode alla dea Nikkal che fu composta in cuneiforme dagli antichi uragani intorno al XIV secolo a.C.

Le tavolette di argilla contenenti la melodia furono scavate negli anni ’50 dalle rovine della città di Ugarit in Siria. Insieme a una serie quasi completa di notazioni musicali, includono anche istruzioni specifiche su come suonare la canzone su un tipo di lira a nove corde.

Il testo è difficile, in parte perché la stessa lingua hurrica è compresa in modo imperfetto, e in parte a causa di piccole lacune dovute a parti mancanti della tavoletta di argilla.

Nonostante le molte difficoltà, è chiaramente un testo religioso riguardante le offerte alla dea Nikkal, moglie del dio della luna.

Il testo è presentato in quattro righe, con la particolarità che le sette sillabe finali di ciascuna delle prime tre righe sul retro della tavoletta vengono ripetute all’inizio della riga successiva sul recto.

Il primo tentativo pubblicato di interpretazione del testo di h.6 fu fatto nel 1977 da Hans-Jochen Thiel, e il suo lavoro costituì la base per un nuovo, ma ancora molto provvisorio, tentativo fatto 24 anni dopo da Theo JH Krispijn, dopo Hurritology aveva fatto progressi significativi grazie alle scoperte archeologiche fatte nel frattempo in un sito vicino a Bo azkale.