‘I pompieri’ stasera in tv: cult ’90 per la fase 2. Trama e curiosità

19 Maggio 2020 Off Di Flavia Nicolosi
‘I pompieri’ stasera in tv: cult ’90 per la fase 2. Trama e curiosità

Stasera, alle ore 21.10, andrà in onda sul canale Cine34 il film cult I Pompieri, diretto da Neri Parenti nel 1985.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Iscriviti al nostro canale Telegram!

E seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui


Nel cast alcuni dei volti più noti della commedia italiana come Paolo Villaggio, Lino Banfi, Massimo Boldi, Christian De Sica, Andrea Roncato e Ricky Tognazzi.

I Pompieri. La trama del film

Nella caserma dei vigili del fuoco Settecamini di Roma, la sghangherata Squadra 17 affronta le missioni con capitomboli esilaranti, attendendo invano un’occasione di riscatto.

Il caposquadra è Armando Bigotti, interpretato da Andrea Roncato, sonnambulo cronico.

I suoi sottoposti sono Daniele Traversi, interpretato da Ricky Tognazzi, giovane padre rimasto da poco vedovo, con qualche problema nell’organizzarsi tra la vita in caserma e il dovere di accudire il figlio Tonino, Alberto Spina, interpretato da Christian De Sica, ragazzo viziato che sta espletando gli obblighi di leva, Nicola Ruoppolo, interpretato da Lino Banfi, ex pompiere di mezza età, ed infine Paolo Casalotti, interpretato da Paolo Villaggio, il quale per un errore burocratico è tra i richiamati al servizio, nonostante non abbia mai fatto parte del corpo.

I Pompieri. Curiosità

 I Pompieri ha avuto un sequel, Missione eroica – I pompieri 2.

Il film è stato girato a Roma, con riprese esterne nei quartieri Tuscolano — dov’è presente la reale location — e Don Bosco.

Nel film sono presenti diversi errori. Per citarne qualcuno, i vigili del fuoco non sono abilitati al maneggio e all’uso di esplosivi, per cui non potrebbero demolire nessuna casa, tantomeno quella del loro comandante.

O anche: quando tutti sono in camerata e Villaggio aiuta Tognazzi a calarsi dalla finestra, De Sica rimprovera Banfi di monopolizzare il telefono e la porta alla sua destra è chiusa; ma allo stacco successivo, quando la camera viene inquadrata della finestra, la porta risulta aperta senza che nessuno l’abbia toccata.