DeLucaRun: il politico come Super Mario nel nuovo videogioco

22 Maggio 2020 Off Di Flavia Nicolosi
DeLucaRun: il politico come Super Mario nel nuovo videogioco

Vincenzo De Luca come Mario Bros.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Iscriviti al nostro canale Telegram!

E seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui


Sta spopolando sui social e sulle chat un nuovo videogioco gratuito che ha per protagonista il presidente della Regione Campania.

DeLucaRun è stato ideato e sviluppato dalla DigiLab Software, ha per protagonista proprio il governatore della Campania. Nei panni di un Super Mario alternativo, il personaggio di De Luca sfreccia sul lungomare Caracciolo con l’obiettivo di collezionare più mascherine possibili lungo il percorso, saltellando sulle pizze margherite.

Le modalità di gioco sono le medesime del noto gioco Nintendo: il giocatore deve conquistare un punteggio alto cercando nel frattempo di evitare gli avversari, che in questo caso sono i runner “cinghialoni” e alcuni esponenti politici come il premier Giuseppe Conte, Vittorio Sgarbi e il giornalista Vittorio Feltri.

A ogni salto “SuperEnzo”, in tuta da idraulico, dirà, con la sua voce originale «i tamponi», e di tanto in tanto pronuncerà sue frasi ormai diventate virali durante le settimane di lockdown: «Questa va bene come maschera di carnevale per fare Bunny il coniglietto». Oppure: «Ho trovato vecchi vecchi cinghialoni della mia età che correvano senza mascherina». O ancora: «L’imbecille è quello che non porta la mascherina».

E se il giocatore viene sconfitto, la schermata finale del gioco regala un fermo immagine di De Luca mentre in sottofondo si può ascoltare una delle sue dichiarazioni più famose.

Il videogioco in poco tempo ha conquistato un successo tale da aver mandato in sovraccarico i server.

Questo non è il primo videogioco in stile vintage che vede protagonista De Luca.

Un paio di mesi fa infatti era stato lanciato The wrong direction in cui il governatore campano, al volante di una Fiat 500 munita di sirena della polizia, aveva come obiettivo quello di “arrotare” i ciclisti cafoni.

Anche in questo caso ogni azione era accompagnata da un commento con la sua voce originale.