Lun. Giu 14th, 2021
Hana Kimura

Con l’elezione dei social media a strumento preferito per comunicare le nostre opinioni, il cyberbullismo continua a mietere le sue vittime in tutto il mondo.

Questa volta a cadere nella spirale depressiva causata dall’ondata di odio on-line è stata la giovane wrestler Hana Kimura.

La 22enne aveva preso parte ad un reality giapponese ‘Terrace house’: il format del programma prevedeva che alcuni ragazzi condividessero un appartamento a Tokyo sotto l’occhio vigile del pubblico e dei commentatori famosi.

L’episodio che ha posto Hana nell’occhio del ciclone è un tipico litigio a cui siamo abituati ad assistere nei reality.

La giovane si è infuriata quando uno dei suoi coinquilini ha, involontariamente, lavato e rovinato il suo costume da wrestler professionista, pezzo unico fatto su misura per lei. Le escandescenze di Hana e l’aver strappato il cappello del coinquilino, l’hanno resa oggetto di un biasimo generalizzato, iniziato da alcuni commentatori durante la trasmissione e poi fatto proprio dal pubblico, sui social.

Il risultato è stato una tempesta di odio che ha travolto Hana da marzo, nell’isolamento del coronavirus, e l’ha spinta a togliersi la vita il 23 maggio.

Il problema del cyberbullismo è tristemente noto anche in Italia.

Il fenomeno tocca soprattutto giovani e giovanissimi, l’85% dei quali è costantemente connesso alla rete attraverso lo smartphone ed è più esposto a dinamiche tossiche online: dal sexting non richiesto al revenge porn, fino al cyberbullismo.

I suicidi per cyberbullismo sono una realtà, legata spesso al revenge porn, come nel caso di Carolina Picchio, 13 anni, e Tiziana Cantone, 33 anni.

Di questo fenomeno così infimo e pericoloso non si parla abbastanza, tuttavia esistono vari modi per poter chiedere aiuto. Oltre rivolgersi al 112 si può contattare il Telefono Amico allo 199 284 284.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui