Gio. Giu 17th, 2021
Churchill statua

La statua di Winston Churchill è stata bardata la scorsa notte, poiché a Londra il movimento antirazzista e i gruppi di estrema destra hanno entrambi pianificato proteste nella capitale questo fine settimana.

Altri monumenti, tra cui il Cenotafio, sono stati rivestiti con teli protettivi dopo essere stati presi di mira dai vandali durante una manifestazione del movimento Black Lives Matter lo scorso fine settimana.

Anche se le proteste scatenate dalla morte di George Floyd, per mano di un poliziotto, sono state pacifiche, nel Regno Unito sono state prese di mira dai vandali diverse statue e busti di personaggi; e in cima alla lista oggetto della furia revisionista e iconoclasta c’è Churchill, l’ex premier britannico, eroe della Seconda guerra mondiale, spesso accusato di razzismo.

Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha dichiarato di essere “estremamente preoccupato” che ulteriori proteste a Londra, in particolare da parte di gruppi di estrema destra che “sostengono l’odio e la divisione”, potrebbero portare alla violenza e al disordine.

In una sua dichiarazione, il primo cittadino londinese ha affermato: “È chiaro che la maggioranza dei manifestanti è stata pacifica. ‘Questo momento deve essere un catalizzatore di cambiamenti sistematici e duraturi per affrontare il razzismo e le disuguaglianze che i neri affrontano ancora oggi, in questo paese e altrove. “Tuttavia, sono estremamente preoccupato che ulteriori proteste nel centro di Londra non solo rischino di diffondere Covid-19, ma potrebbero portare a disordini, atti vandalici e violenza. ‘I gruppi di estrema destra che sostengono l’odio e la divisione stanno pianificando contro-proteste, il che significa che il rischio di disordine è elevato”.

Il rovesciamento della statua del commerciante di schiavi Edward Colston a Bristol lo scorso fine settimana è stata la scintilla che ha innescato la demolizione di altri monumenti legati al passato coloniale britannico. L’ultimo a seguirne l’esempio è il NHS Foundation Trust di Guy e St Thomas, dopo che ha confermato che le statue di Robert Clayton e Thomas Guy saranno tolte a causa della loro associazione con la tratta degli schiavi. Clayton, ex sindaco di Londra, aveva legami con la Royal African Company, che trasportava schiavi nelle Americhe, mentre Guy investiva nella South Sea Company, anch’essa coinvolta nel commercio.

Il NHS Foundation Trust di Guy e St Thomas ha dichiarato: “Come molte organizzazioni in Gran Bretagna, sappiamo che abbiamo il dovere di affrontare l’eredità del colonialismo, del razzismo e della schiavitù nel nostro lavoro. “Riconosciamo assolutamente la sofferenza e la rabbia del pubblico generate dal simbolismo di statue pubbliche di personaggi storici associati in qualche modo al commercio di schiavi.”

Nel frattempo, Bournemouth, Christchurch e il Consiglio di Poole hanno ritardato i piani per rimuovere temporaneamente una statua del fondatore di scout Robert Baden-Powell dopo che i residenti arrabbiati hanno promesso di combattere per proteggerlo.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui