Il rapper americano Tray Savage è morto a 26 anni in una sparatoria

20 Giugno 2020 Off Di Flavia Nicolosi
Il rapper americano Tray Savage è morto a 26 anni in una sparatoria

Il rapper Tray Savage è morto, all’età di 26 anni, dopo essere stato colpito al collo e alla spalla.

“Il musicista americano è stato ucciso mentre guidava sul lato sud di Chicago venerdì alle 11”, riferisce TMZ.

Tray, che è membro dell’etichetta discografica di Chief Keef (di seguito un featuring tra i due), guidava nel quartiere di Chatham quando qualcuno ha aperto il fuoco.

“Il rapper stava guidando la sua auto, dopo gli spari si è scontrato con tre macchine parcheggiate”, secondo la rivista The Sun.

Tray aveva appena accompagnato a casa la sua fidanzata, e subito dopo è rimasto vittima di una sparatoria.

Non appena è stato trasferito all’Università di Chicago Medical Canter è stato dichiarato morto.

Testimoni hanno riferito di aver individuato un SUV bianco nell’area al momento delle riprese, anche se al momento sembra che non ci siano sospetti in custodia”, riferisce Mirror Online.

Il manager di Tray, Idris Dykes, ha dichiarato a HollywoodLife: “Trey Savage è stato uno dei primi membri del GBE e membri originali di Glo Gang. Grande spirito e sempre alla ricerca del risultato positivo. Era in procinto di creare un nuovo album. Era un grande fratello e un padre dedicato ai suoi figli. Ci mancherà davvero.”

I fan della star hanno condiviso su Twitter il loro dolore.

Uno ha postato: “Maledizione! RIP Tray Savage.”

Altri hanno aggiunto: “RIP TraySavage. Crazy” e “Glo In Peace Tray Savage“.

L’ultimo post del rapper su Instagram risale a cinque giorni fa, dove aveva parlato delle proteste di Black Lives Matter dopo la morte di George Floyd.

In un post ha scritto: “Ci trattano per il nostro colore, non per il nostro nome. Ho vissuto a Chicago per tutta la mia vita, ed ho sempre riscontrato la brutalità della polizia sugli afroamericani. … “.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui