Piero Chiambretti sul coronavirus: “Una esperienza troppo dolorosa”. E sul ritorno in tv: “Non so”

2 Luglio 2020 Off Di NonSolo.Tv
Piero Chiambretti sul coronavirus: “Una esperienza troppo dolorosa”. E sul ritorno in tv: “Non so”

L’amato conduttore Piero Chiambretti è tra coloro che hanno pagato il dazio più alto a causa del coronavirus.

E’ stato ricoverato in condizioni gravi, in prima persona, ed ha perso l’amata mamma Felicita.

Sono passati quattro mesi da quei drammatici giorni e Chiambretti si è recato presso l’ospedale Mauriziano di Torino per partecipare a una celebrazione laica dedicata alle vittime del Covid-19.

E si è raccontato alla Stampa, nei limiti del suo voler non rendere pubblico la tremenda esperienza: “Non amo rendere pubblico quello che è privato. Dietro quelle due settimane in ospedale ci sono la malattia, la morte di mia madre, il senso della vita che è cambiato, il ripensamento delle mie scelte professionali. È stata un’esperienza troppo personale, troppo dolorosa per farla diventare un fenomeno da baraccone”.

E così Chiambretti ha detto di no alla Mondadori che ha chiesto a Chiambretti di scriverci su un libro.

E circa l’ipotesi di tornare in tv, niente è certo ancora:

Non so se tornerò in tv, e non ho ancora definito con Mediaset i programmi per la prossima stagione. Vorrei che l’anno nuovo portasse vita nuova. Mi piacerebbe fare qualcosa che non ho mai fatto prima, di diverso”.

Questa la sua idea:

“Un programma in prima serata in cui i bambini si sostituiscono agli adulti. Si dice sempre che loro saranno i grandi di domani, ma molte volte sono già i grandi di oggi. Questa di massima sarebbe l’idea. Poi si sa, la televisione è peggio del calcio: tutti i giorni si cambia idea”.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui