Lun. Giu 14th, 2021
manifest

La serie Tv americana mistery Manifest ha alcuni punti in comune con il volo Malysia Airlines 370 scomparso nel 2014. Quali sono i punti in comune e quali le divergenze? Scopriamole insieme!

Manifest: i punti in comune

La serie Tv mistery Manifest della NBC è una serie Tv americana che sta andando in onda per la seconda stagione in Italia su Canale 5.

La storia inizia con 191 persone che prendono un volo e la storia è raccontata dal loro punto di vista. Dopo una breve turbolenza, anche se molto violenta, fanno un atterraggio di emergenza negli Stati Uniti.

Nel frattempo, però, troppe cose sono cambiate. Infatti, se per loro è passata solo qualche ora, quando atterrano scoprono che in realtà sono passati 5 anni e mezzo dalla loro partenza. Le cose strane non finiscono qui. In questo periodo, i bambini a bordo non sono cresciuti e anche gli altri passeggeri sembrano essere rimasti gli stessi.

Infine, tutti i passeggeri avvertono delle voci soprannaturali che gli ordinano delle azioni, fino al suicidio. Ogni ordine, però, è un tassello per capire cosa è successo.

Le analogie con il volo Malaysia Airlines 370 del 2014

L’8 marzo 2014, il volo Malaysia Airlines 370 scomparve dai radar e nessuno ne seppe più nulla nemmeno dei passeggeri.

All’inizio, si pensò che l’aereo fosse precipitato nell’Oceano Indiano Meridionale, ma numerose ricerche tra il 2014 e il 2018 non ebbero alcun riscontro.

Eppure, sembra che fosse la ricerca più costosa della Storia per i voli aerei dispersi. L’ultima a provarci fu una società americana specializzata in relitti marini. Anche questa, però, nonostante 6 mesi di ricerche, non concluse nulla.

C’è chi sospettò di due iraniani che erano entrati nell’aereo con documenti falsi e che si erano poi dileguati. Alla fine, si scoprì che dal momento dell’incidente nessuno li aveva più visti.

Leggi anche => Little Voice prima stagione su Apple tv: anticipazione trama e cast


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui