Chi è Armine Harutyunyan? La modella criticata per la bellezza “fuori dai soliti canoni ordinari”

1 Settembre 2020 Off Di KatiaDiLuna
Chi è Armine Harutyunyan? La modella criticata per la bellezza “fuori dai soliti canoni ordinari”

Armine Harutyunyan, giovane modella di Gucci vittima delle polemiche sul web perché non rispecchia i canoni di bellezza ordinari: età, biografia e carriera

Armine Harutyunyan è una ragazza armena nonché ritenuta tra le cento modelle più sexy del mondo dopo aver sfilato alla Milano Fashion Week 2019 per Gucci. In questi ultimi giorni, il suo nome è sulla bocca di tutti per aver rotto i classici canoni della bellezza odierna. Una bellezza rivoluzionaria, come dichiara il fotografo Oliviero Toscani, che mette in risalto la personalità e tanta determinazione. A quanto pare, però, tutto questo non viene ancora accettato e il web non ha risparmiato le critiche accese sull’aspetto fisico della 23 enne.

Armine, però, incurante delle critiche, ha replicato per le rime: “Meglio essere diversi che omologati al resto, non so perché sia successo questo, e non posso vietare alla gente di parlare, ma posso ignorla”. La modella ha poi concluso il suo sfogo, dichiarando che tutto ciò che appare diverso dal solito, spaventa e quindi diventa oggetto di attacchi.

Ma chi è esattamente Armine?

Classe 1997, Armine Harutyunyan è nata a Jerevan, in Armenia e aspirava a diventare una grafica professionista. Si è laureata in Graphic Design allo Yerevan State Institute of Fine Arts and Theatre. La 23 enne ama l’arte, una passione che ha ereditato dal nonno Khachatur Azizyan, pittore di fama internazionale. Durante una vacanza a Berlino, viene notata da un talent scout in cerca di nuove modelle per la passerella di Gucci e così entrò nel mondo della moda.

L’anno scorso ha esordito per la collezione primavera/estate di Gucci, con vestito disegnato da Alessandro Michele e un abito ispirato alle camicie di forza dei manicomi.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui