Mar. Ott 19th, 2021
trump xiaomi

A sei giorni dalla sua uscita ufficiale, l’amministrazione Trump ha deciso di mettere nel mirino un altro gigante dell’elettronica cinese: Xiaomi, il numero tre al mondo nella produzione di telefoni cellulari.

Il Dipartimento della Difesa statunitense sta ora designando Xiaomi come “società militare comunista cinese“, il che significa che è ora vulnerabile all’ordine esecutivo di Trump che vieta agli Stati Uniti di investire in tali società – e potrebbe costringere le società statunitensi e altri investitori statunitensi a lasciare Xiaomi l’11 novembre 2021, come riportato da Reuters.

In una dichiarazione inviata a The Verge, Xiaomi sostiene di “operare in conformità con le leggi e i regolamenti delle giurisdizioni in cui conduce le sue attività“. Il portavoce sostiene che Xiaomi “non è posseduta, controllata o affiliata all’esercito cinese, e non è una ‘Società militare cinese comunista‘ definita ai sensi della NDAA [National Defense Authorization Act]“. Xiaomi afferma che sta ora esaminando le potenziali conseguenze della designazione della DoD prima di agire.

Anche se un’amministrazione Biden potrebbe ribaltare l’ordine prima di allora, è interessante vedere una società di elettronica come Xiaomi nella lista. La maggior parte delle altre aziende della lista sono più orientate all’industria, specializzate in aviazione, aerospaziale, costruzioni navali, chimica, telecomunicazioni, costruzioni e altre forme di infrastrutture.

Anche Huawei, il numero due al mondo tra i produttori di cellulari, è sulla lista, ma Huawei costruisce anche apparecchiature per le telecomunicazioni su larga scala.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui