Mar. Set 21st, 2021

Chijindu Ujah, staffettista brittannico della 4×100, è sotto indagine per doping: qualora l’ipotesi fosse confermata perderebbe la medaglia d’argento

Chijindu Ujah, 27 anni primo staffettista inglese della 4×400 a Tokyo 2020, è indagato per violazione antidoping che lo porterebbe a perdere la medaglia d’argento per la Gran Bretagna. Ujah è stato sottoposto a controlli dopo il termine della staffetta 4×400 e sono state trovate tracce di ostarina, anabolizzante i cui effetti sono analoghi al testosterone. Quindi, è una sostanza non conforme alle norme del CIO e dell’Athletics Integrity Unity.  

La violazione è stata rilevata lo scorso 8 agosto, due giorni prima della gara dal laboratorio antidoping di Tokyo. L’atleta britannico di origine Nigeriana avrà il diritto di richiedere la controanalisti e nel frattempo è sospeso in via cautelare. Con tele misura servirà attendere il risultato dell’indagine, come comunicato dall’Athletics Integrity Unity: “L’AIU attende ora la conclusione del procedimento dell’ITA nei confronti dei suddetti atleti, che determinerà se sono state commesse violazioni del regolamento antidoping e quali conseguenze (se del caso) debbano essere imposte in relazione ai Giochi Olimpici”.

Quindi, qualora l’ipotesi fosse confermata o Ujah non dovesse chiedere la controanalisti, l’argento andrebbe al Canada e il bronzo alla Cina ( l’Italia ha l’oro). Per tanto, se un atleta parte di una staffetta viola le regole antidoping, l’intera squadra viene sospesa.

 


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui