Mar. Gen 31st, 2023

La conduttrice Merlino potrebbe dire addio a La 7 dopo le accuse di alcuni collaboratori? Le indiscrezioni

Myrtha Merlino sarebbe al centro di un terromoto a La 7. La conduttrice de L’aria che tira sarebbe stata accusata da alcuni collaboratori di presunti “comportamenti maleducati e incivili”. A rivelarlo sarebbe stato un comunicato ufficiale di rappresentanti sindacali, nel quale ci sarebbero alcune segnalazioni di lavoratori sull’atteggiamento della giornalista e questo pare che influisca sulla probabilità di prolungare i contratti di personale specializzato. Inoltre il RSU ha espresso la sua contrarietà nei confronti degli atteggiamenti della Merlino e si augura che dopo tale avvertimento i vertici aziendali attivino misure per ripristinare un corretto rapporto tra i collaboratori.

Quali sarebbero questi comportamenti segnalati dai collaboratori?

A mettere la pulce nell’orecchio su tali indiscrezioni, ci ha pensato Dagospia che secondo il quale, Myrtha Merlino si sarebbe fatta scaldare la testa con il phon dal alcuni assistenti in studio, poiché infreddolita”. E inoltre “la giornalista sarebbe andata su tutte le furie per poi accusare uno dei collaboratori di scompigliarle l’acconciatura”. Non solo: c’è chi addirittura parla di un presunto lancio di uno sgabello, di una probabile sfuriata perché il cornetto o il té non erano di suo gradimento o di possibili pretese sulla disponibilità h 24 degli assistenti. Sarà vero? Nel frattempo pare che ci siano alcune indiscrezioni sul probabile abbandono della Merlino a La 7 per Mediaset.

Merlino potrebbe approdare a Mediaset? Ecco i presunti progetti

Dopo le dure accuse di collaboratori, Dagospia ha rivelato alcune indiscrezioni sul futuro televisivo di Myrta Merlino. Secondo il portale, la conduttrice de L’Aria che tira potrebbe lasciare La 7 per sbarcare a Mediaset, poiché preferirebbe essere al timone di programmi d’attualità e politica, tra cui Dritto e Rovescio o Fuori dal Coro. Cosa accadrà? Intanto non c’è alcuna risposta della diretta interessata alla lettera dei sindacati.


Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Instagram
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Google News
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram