Negramaro, Lele ricoverato: ecco come sta

17 Settembre 2018 Off Di Stefano T. Vilardo
Negramaro, Lele ricoverato: ecco come sta

Negramaro, le condizioni di salute del chitarrista Lele

Sono ore di profonda preoccupazione per il chitarrista dei Negramaro Emanuele Spedicato, meglio conosciuto come Lele che è stato ricoverato d’urgenza questa mattina. Il chitarrista ha riscontrato un’emorragia cerebrale ed è stato subito portato presso il reparto di Rianimazione dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce.

Secondo le notizie che sono state diffuse, Spedicato si sarebbe sentito male nella sua abitazione in Salento. La moglie Clio (incinta di sette mesi) ha spiegato ai sanitari del pronto soccorso di averlo trovato nei pressi della piscina privo di sensi. Portato in ambulanza dai sanitari del 118 al pronto soccorso del Vito Fazzi, è stato sottoposto a esami radiologici che hanno evidenziato un’emorragia cerebrale in atto.

Pochi minuti fa il presidio ospedaliero ha emanato il primo bollettino medico:

“Emanuele Spedicato, chitarrista dei Negramaro, è ricoverato nella Rianimazione dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Il paziente è giunto in Pronto Soccorso questa mattina, trasportato da un’ambulanza del 118, dopo aver accusato un malore. I medici lo hanno immediatamente sottoposto ad una serie di esami diagnostici e, successivamente, ne hanno disposto il ricovero nel reparto di Rianimazione, dove è costantemente monitorato. Il quadro clinico presentato dal paziente non permette di sciogliere la prognosi, che resta riservata”

Fiumi di dediche su tutti i social da parte di tutti i colleghi del mondo della musica e dell’intrattenimento. L’account ufficiale della band, che dovrebbe partire per un nuovo tour questo autunno, ha twittato un semplice appello:

“Pensate forte forte al nostro Lele! Fortissimo”

Tantissime testimonianze d’affetto anche da parte di altri colleghi come Jovanotti, Fiorella Mannoia e Alessandra Amoroso.

 


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui