MTV, un tuffo nel passato di una televisione che ha fatto la storia

9 Maggio 2020 Off Di Mario Barba
MTV, un tuffo nel passato di una televisione che ha fatto la storia

La prima trasmissione di MTV in assoluto, il 1° agosto 1981, inizia con le riprese del lancio del razzo Apollo 11. Mentre il razzo si solleva, il filmato ritrae un astronauta che salta sulla Luna, una bandiera color acid-pop in piedi orgogliosa mentre il classico logo di MTV luccicava. Viene riprodotto il video musicale di “Video Killed The Radio Star” dei The Buggles.

Decine di ore di filmati, dalla prima trasmissione del 1981 alla fine del decennio del 1989, sono in streaming gratuito sul sito Internet Archive. Ogni upload, iniziato all’inizio di aprile e a cui se ne aggiungono continuamente, contiene la descrizione di quale VJ stava ospitando quel particolare giorno: Martha Quinn, Alan Hunter, JJ Jackson, Nina Blackwood. Ci sono anche episodi di Natale.

“Questa è la mia collezione personale di registrazioni VHS di MTV degli anni ’80”, si legge nelle note dell’uploader. “Sono anni che colleziono registrazioni complete, inedite, con spot pubblicitari e soprattutto con i VJ. Ho trovato questi video da vecchi siti web, siti torrent, condividendo cose, la pagina facebook di The Original MTV VJs e, naturalmente, l’Archivio”.

Tutto questo è una novità per me. Sono nato alla fine degli anni ’80, e ho iniziato a guardare MTV solo verso la fine dei ’90 e all’inizio degli anni ’00. A quel punto, i video musicali erano stati sostituiti da star dei reality, e la comprensione dell’influenza della musica sulla cultura pop è stata scambiata con gli ultimi pettegolezzi delle celebrità o qualsiasi cosa Britney Spears stesse facendo quel giorno. Il concetto iniziale di MTV era quasi scomparso.

È comprensibile. La premessa originale di MTV è uno strumento antiquato. Un canale, armato di una banda di giovani programmatori ossessionati dalla musica, curava una playlist infinita di video per adolescenti sdraiati davanti alla TV in salotto. MTV non aveva la funzione di auto-costruzione di playlist di YouTube che mette automaticamente insieme 50 o più video per le persone in base ai loro interessi, offrendola su un piatto d’argento.

La gente non passa il suo tempo sdraiata sul divano ad aspettare che il suo VJ preferito entri in scena e faccia debuttare il nuovo video musicale di Prince. I video musicali vengono caricati su YouTube dai musicisti ad ore casuali della notte, o mostrati in clip su TikTok e Instagram. MTV, come altri canali televisivi, è stata costretta ad adattarsi ai rapidi cambiamenti che il settore ha dovuto affrontare a causa di internet e dei social media. Ciò significava meno grandi anteprime video (“Thriller” di Michael Jackson ha debuttato il 2 dicembre 1983, diventando subito un successo) e più enfasi su spettacoli come Jersey Shore, The Hills e Teen Mom.

MTV non assomiglia più a MTV. È quella nostalgia che rende i vecchi stream di qualità VHS su Internet Archive così piacevoli da guardare. Questi non sono solo video musicali serviti tramite un algoritmo. Guardare MTV della vecchia scuola dona una sensazione di calore, un po’ come tornare nella vecchia casa; la differenza tra un album curato e una playlist generata da un algoritmo senza volto.

Inoltre, gli spot pubblicitari sono di un altro livello. La prima trasmissione di MTV negli Stati Uniti ha trasmesso annunci pubblicitari per Mountain Dew, Superman II e via cavo.

Presto è arrivata la televisione e ci ha dato il dono della vista, ma è stato il cavo che ci ha dato la libertà di scelta“, si sente dire nella prima trasmissione di MTV da un narratore che introduce la rete.

Le prime trasmissioni di MTV comprendevano numerosi spot pubblicitari che promuovevano l’idea del via cavo a un pubblico desideroso di sintonizzarsi. Inutile dire che il cavo è diventato un punto fermo nelle famiglie americane. Come scrisse Ron Miller sul Washington Post nel 1989, “il messaggio principale degli anni ’80 è che la TV è migliorata“.

“Negli anni ’80, le principali reti commerciali – ABC, CBS e NBC – hanno cominciato a perdere il loro monopolio sul pubblico televisivo di fronte alla concorrenza di un universo televisivo in continua espansione”, ha osservato Miller.

MTV era in testa a questa carica. Guardare questi spezzoni aiuta a ribadire il motivo per cui gli anni ’80 sono stati un periodo in cui la cultura rivolta ai teenager regnava sovrana.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui