Lun. Giu 14th, 2021
animal crossing

La diagnosi di coronavirus può tenervi dentro casa per un lungo periodo di tempo, così quando la madre di Kevin Learst è risultata positiva a marzo, ha avuto bisogno di diventare creativo per confortarla durante il suo recupero. Ha preso una Switch e una copia di Animal Crossing: New Horizons nella sua casa in Michigan, e l’ha trasmessa in diretta su FaceTime per aggiornarla sulle basi di orticoltura, paleontologia ed entomologia che definiscono l’interpretazione Nintendo della vita sull’isola antropomorfa. I periodi di quarantena e di autoisolamento possono durare anche un mese. Quale momento migliore per diventare un videogiocatore?

Ho pensato che sarebbe stato impegnativo insegnarle a giocare. Soprattutto perché non eravamo fisicamente nella stessa stanza e lei non è mai stata la migliore a giocare ai videogiochi”, dice Learst. “Quindi è stato molto importante dirle quali pulsanti premere”. Ora, qualche settimana dopo, mi sveglio ogni giorno e vedo che è già online e sta andando molto bene. Ha capito tutto e cerca persino di insegnarmi cose nuove sul gioco”.

Dawn Learst, la madre di Kevin, dice che l’ultima volta che ha giocato seriamente a un videogioco è stata al primo Legend of Zelda alla fine degli anni ’80. La sua esperienza di Animal Crossing è stata un salto improvviso nei dettami e nei linguaggi dell’industria moderna, saltando i tre decenni precedenti di tendenze, idee e informazioni contestuali.

Per la cronaca, Dawn ha le stesse lamentele che tutti noi facciamo con New Horizons. “Mi sembra di viaggiare sulle stesse isole più e più volte, e di non acquisire cose che non posso ottenere sulla mia isola”, dice. “Anche se lanciassi un’esca per i pesci, spererei di ottenere qualcosa di più di un branzino”. (Detto questo, Dawn ha catturato più tartarughe di Kevin ed è motivo di orgoglio per lei).

Il recupero da Covid-19 è stato solitario. Giocare il gioco con Kevin e la sua ragazza mi ha aiutato a sentirmi legata alla mia famiglia“, dice Dawn. “Abbiamo condiviso molte risate in queste ultime settimane e non mi sentivo così vicina a mio figlio da molto tempo”.

È facile perdere il senso di sé durante una pandemia. Queste ultime settimane di quarantena sono state segnate da momenti di mania e dissociazione; tutti abbiamo cercato di rimanere sani di mente affilando vecchi hobby, o scoprendone di nuovi. I capelli appena tinti di rosa stanno assediando Twitter in tutti i Paese; qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere? Non c’è niente da fare, il che ha aperto un intero universo di cose che abbiamo sempre voluto fare.

E così, le persone più curiose di tutto il mondo hanno finalmente trovato il loro Eden. La cultura dei giocatori è stata tradizionalmente calcificata in un atteggiamento di esclusione, che ha spento un numero infinito di potenziali clienti a causa di un ambiente tossico di elitarismo, sessismo e rabbia nerd. Negli ultimi anni, però, queste forze di polizia si stavano già atrofizzando. La Switch, in particolare, ha attratto più donne e una fascia d’età di clienti più ampia rispetto ai suoi contemporanei. Il Coronavirus non ha dato il via a questa tendenza ma ha sicuramente dato la spinta necessaria affinché si consacrasse un qualcosa che era già nell’aria da molto tempo.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui