Space X, tutto ciò che c’è da sapere a poche ore dallo storico lancio spaziale

27 Maggio 2020 Off Di Mario Barba
Space X, tutto ciò che c’è da sapere a poche ore dallo storico lancio spaziale

Nel pomeriggio di oggi 27 maggio, SpaceX dovrebbe lanciare i suoi primissimi passeggeri nello spazio, preannunciando potenzialmente una nuova era di voli umani nello spazio. Sarà la prima volta in quasi un decennio che la gente verrà lanciata in orbita dal suolo americano, e sarà la prima volta che un veicolo privato li porterà lì.

Questo volo storico è davvero un test. È l’ultima grande pietra miliare per SpaceX nell’ambito del Programma Equipaggio Commerciale della NASA. L’iniziativa sperimentale ha affidato ad aziende private il compito di creare nuovi veicoli spaziali per la NASA in grado di trasportare gli astronauti da e verso la Stazione Spaziale Internazionale. Il contributo di SpaceX al programma è costituito da un’elegante capsula a forma di caramella gommosa chiamata Crew Dragon. Sebbene abbia già volato un paio di volte, la capsula non ha ancora trasportato persone nello spazio.

SpaceX ha passato gli ultimi sei anni ad arrivare a questo punto. L’anno scorso, l’azienda ha fatto una prova generale completa, lanciando con successo il Crew Dragon alla stazione senza equipaggio a bordo. L’azienda ha anche testato il sistema di fuga d’emergenza della capsula, confermando che l’equipaggio Dragon può portare le persone in salvo se qualcosa va storto durante il lancio. Ma ci sono state anche delle battute d’arresto da superare, tra cui i guasti ai razzi e l’esplosione di una capsula Crew Dragon durante un test a terra dell’anno scorso. Da allora SpaceX si è ripresa, definendo i guasti come “doni” che hanno aiutato l’azienda a creare un veicolo più sicuro.

Ora, è giunto il momento per il Crew Dragon di avere un equipaggio. I primi due passeggeri del veicolo sono gli astronauti veterani della NASA Bob Behnken e Doug Hurley, che sono stati assegnati a questa missione nel 2018. Dopo due anni di addestramento per questo volo sia con la NASA che con SpaceX, sono pronti a indossare le tute spaziali personalizzate di SpaceX e a prendere posto all’interno della capsula.

Ecco perché questo volo è così importante, cosa aspettarsi dalla missione e cosa significa per la NASA e SpaceX andare avanti.

L’IMPORTANZA

L’8 luglio 2011 ha segnato l’ultimo volo dello Space Shuttle della NASA e l’ultima volta che gli astronauti sono stati lanciati in orbita dagli Stati Uniti. Da allora, la NASA ha volato con tutti i suoi astronauti e partner internazionali verso la stazione spaziale sulla capsula russa Soyuz. L’accordo costa alla NASA circa 80 milioni di dollari a sedile – ed è stata l’unica opzione dell’agenzia per portare le persone sulla stazione.

Per porre fine alla sua dipendenza da un altro paese, la NASA ha lavorato con l’industria privata per riportare il volo spaziale umano negli Stati Uniti. Con il Programma Equipaggio Commerciale, la NASA ha assegnato a due società – SpaceX e Boeing – contratti per sviluppare i propri veicoli che potessero trasportare gli astronauti della NASA alla stazione spaziale e ritorno. La NASA ha pagato a SpaceX 3,14 miliardi di dollari per sviluppare e far volare il Dragon Crew Dragon, mentre Boeing ha ricevuto 4,8 miliardi di dollari per sviluppare e far volare il CST-100 Starliner.

Nel corso degli anni si è creata un’intensa rivalità tra le due società. Entrambe hanno avuto numerosi ritardi tecnici e battute d’arresto lungo il percorso, ma alla fine, SpaceX ha tirato avanti. Quando volerà, SpaceX diventerà la prima compagnia privata in assoluto a portare in orbita gli esseri umani.

IL LANCIO

Il razzo Falcon 9 di SpaceX decollerà dal sito di lancio della società presso il Kennedy Space Center della NASA a Cape Canaveral, in Florida. Conosciuto come Launch Complex 39A, ha visto i lanci dello Space Shuttle e dei razzi Saturn V che hanno mandato gli esseri umani sulla Luna. SpaceX ha iniziato a prendere in leasing il complesso dalla NASA nel 2014 e ha trasformato la piattaforma di lancio per supportare i voli dei razzi Falcon 9 e dei razzi pesanti Falcon.

Equipaggiati con le tute a pressione personalizzate di SpaceX, gli astronauti Behnken e Hurley cominceranno a dirigersi verso la piattaforma di lancio intorno alle 13:00 ET. Per fare di questo un vero e proprio elogio di Elon Musk, i due astronauti si recheranno sul sito con una Tesla Model X bianca, ornata con vari loghi della NASA per una sinergia assoluta. Una volta arrivati alla piattaforma, il duo prenderà un ascensore vicino alla cima del razzo Falcon 9 e attraverserà un corridoio sospeso noto come “braccio di accesso dell’equipaggio” fino all’ingresso del Crew Dragon.

Behnken e Hurley saliranno all’interno della capsula e chiuderanno il portello, il che significa che è il momento di iniziare ad alimentare il veicolo. Questa parte del processo è stata abbastanza controversa per alcuni nella comunità aerospaziale. Quando lo Space Shuttle era in volo, il rifornimento di carburante è avvenuto prima che gli astronauti salissero a bordo, poiché il caricamento di materiali combustibili in un veicolo spaziale è considerato rischioso. Tuttavia, SpaceX sceglie di fare rifornimento circa mezz’ora prima del lancio, dopo che l’equipaggio è già a bordo. L’azienda usa propellenti incredibilmente freddi per far volare il suo Falcon 9, che aumentano le prestazioni del veicolo. Prima SpaceX pompa il propellente prima del lancio, minore è il tempo a disposizione per il riscaldamento e l’ebollizione dei liquidi.

Dopo anni di dibattito su questa procedura – chiamata “load and go” – la NASA ha finalmente dato il suo consenso quando SpaceX ha dimostrato che si poteva fare in sicurezza su numerosi voli.

Una volta che tutto il propellente è stato caricato nel razzo, le cose accadranno rapidamente. SpaceX darà il via libera al lancio, con il decollo previsto per le 16.33 ET. La compagnia dovrà lanciare a quell’ora esatta o sarà costretta a ritardare la data del lancio di riserva, attualmente fissata per sabato 30 maggio.

LA LOCALIZZAZIONE

Se tutto va come previsto, per i due astronauti è un viaggio veloce verso l’orbita terrestre. Il razzo Falcon 9 rilascerà il Crew Dragon in orbita terrestre circa 12 minuti dopo il decollo. Il razzo tornerà poi sulla Terra dove è previsto l’atterraggio su una nave drone nell’Oceano Atlantico.

Per le prossime 19 ore, gli astronauti orbiteranno intorno al pianeta. Durante questo tempo, l’equipaggio Dragon alzerà leggermente la sua orbita accendendo periodicamente i motori per raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale. All’interno della capsula, Behnken e Hurley cercheranno di dormire un po’ – e forse useranno la toilette di bordo della capsula se la natura chiama.

Il Crew Dragon è progettato per richiedere il minimo input dai suoi passeggeri, ma poiché si tratta di un test, Hurley e Behnken faranno un po’ di volo manuale prima di raggiungere la stazione spaziale. “E’ ovviamente qualcosa che vogliamo essere sicuri di capire completamente per i futuri equipaggi nel caso in cui debbano far volare il veicolo manualmente”, ha detto Hurley durante una conferenza stampa. Il piano è che Hurley prenda il controllo subito dopo che l’equipaggio Dragon raggiunge l’orbita e quando si avvicina alla stazione spaziale.

Ma in realtà, questo è un momento in cui il sistema di attracco autonomo del Crew Dragon deve brillare. È una caratteristica che mancava alla precedente versione cargo del Dragon di SpaceX quando trasportava i rifornimenti alla ISS. Durante quelle missioni di carico, un astronauta a bordo della stazione spaziale usava un braccio robotico per afferrare una capsula Dragon in avvicinamento e avvicinarla alla ISS. Ora, con il Crew Dragon, la capsula non dovrebbe aver bisogno di alcun aiuto da parte degli umani. Una volta che Hurley ha finito di volare manualmente vicino alla stazione, il sistema automatico dell’equipaggio Dragon farà il suo ingresso. Utilizzando una serie di sensori e telecamere, la capsula volerà da sola verso la ISS e si aggancerà ad un porto di attracco aperto.

Se il lancio procede come previsto, l’attracco dovrebbe avvenire alle 11:29AM ET di giovedì 28 maggio.

IL RITORNO

Una volta aperto il portello del Drago dell’equipaggio, Behnken e Hurley si uniranno all’astronauta della NASA Chris Cassidy e ai cosmonauti russi Anatoly Ivanishin e Ivan Vagner sulla ISS. Hurley ha detto che Cassidy ha recentemente inviato loro un’e-mail sulla loro imminente riunione nello spazio. “Ha detto qualcosa sul fatto che non vede l’ora di vedere i nostri brutti ceffi a bordo della stazione spaziale“, ha ricordato Hurley.

In origine, la NASA aveva previsto di tenere gli astronauti sulla stazione spaziale solo per qualche settimana. Ma i piani sono cambiati perché i ritardi nel programma dell’equipaggio commerciale hanno prolungato lo sviluppo dei veicoli di SpaceX e Boeing. I primi voli con equipaggio avrebbero dovuto avvenire nel 2017, e con l’aspettativa che questi veicoli sarebbero stati ormai regolarmente in volo, la NASA ha acquistato un numero limitato di posti a sedere sul razzo russo Soyuz. Quei posti hanno cominciato a scarseggiare, e ora Cassidy è incaricato di tutte le operazioni condotte dagli americani sulla stazione spaziale.

Circa sei mesi fa, la NASA ha deciso di prolungare la permanenza a bordo di Behnken e Hurley per mantenere un equipaggio più numeroso sulla ISS. Ora sembra probabile che resteranno nello spazio per qualche mese, anche se la NASA non ha ancora deciso quando gli astronauti torneranno. L’equipaggio Dragon può rimanere nello spazio solo per circa quattro mesi grazie ai suoi pannelli solari. La sottile atmosfera nello spazio degrada i pannelli nel tempo, limitando la vita del veicolo in orbita.

La NASA dice che prenderà la decisione sulla data di ritorno dell’equipaggio mentre si trova nello spazio. Come ulteriore assicurazione, la NASA ha recentemente acquistato un posto in più su un volo Soyuz per questo autunno in caso di ulteriori ritardi con i veicoli dell’Equipaggio Commerciale.

Quando sarà il momento, Behnken e Hurley saliranno di nuovo sul loro Crew Dragon, chiuderanno il portello e si staccheranno dalla stazione spaziale. Si allontaneranno dalla ISS e poi alla fine si tufferanno attraverso l’atmosfera terrestre. Una serie di quattro paracadute li calerà giù, permettendo loro di schizzare in sicurezza nell’Oceano Atlantico al largo della costa della Florida.

L’IMPENSABILE

SpaceX ha passato anni a fare test e ispezioni per garantire che questo lancio si svolga in sicurezza. Ma questo lancio è un test, e lo spettro del fallimento pesa molto su molte persone. Se qualcosa va storto, un sistema di fuga di emergenza integrato fornirà un ulteriore livello di protezione per gli astronauti.

All’interno delle pareti esterne dell’equipaggio Dragon sono incorporati dei piccoli propulsori chiamati motori SuperDraco. Questi propulsori sono progettati per incendiarsi durante il volo nel caso in cui qualcosa vada catastroficamente storto. I SuperDracos possono portare il Crew Dragon su e via da un razzo malfunzionante, e una volta abbastanza lontano, i paracadute della capsula possono dispiegarsi, calando il veicolo nell’Oceano Atlantico.

È una manovra necessaria solo in caso di emergenza, ma SpaceX sostiene che questa opzione è disponibile in ogni punto del volo fino a quando il Crew Dragon non viene lanciato in orbita. E questo in realtà significa che la NASA e SpaceX sono abbastanza limitati circa quando questa missione può essere lanciata. Un malfunzionamento potrebbe far precipitare il Crew Dragon in un’area oceanica estremamente ampia dell’Atlantico, e la NASA vuole assicurarsi che il tempo sia buono in ogni possibile punto in cui la capsula potrebbe atterrare.

In realtà stiamo guardando le onde – stiamo guardando la velocità e l’altezza delle onde – perché dobbiamo assicurarci che se l’equipaggio deve scendere in uno scenario di fuga dal lancio, che abbia la possibilità di scendere in uno stato di mare che lo tenga al sicuro e che le squadre di soccorso possano venire a prenderli”, ha detto Benji Reed, direttore della gestione della missione dell’equipaggio di SpaceX, durante una conferenza stampa. SpaceX prenderà in considerazione il meteo in più di 50 località lungo tutta la costa orientale fino al Canada e persino attraverso l’Atlantico fino all’Irlanda del Nord. Ciò significa che i cambiamenti meteorologici sono più probabili che mai.

IL FUTURO

Una volta che Behnken e Hurley saranno tornati sulla Terra con le loro famiglie, sarà il momento di iniziare a fare questo tipo di viaggi – che è ciò di cui si occupa il Programma Equipaggio Commerciale. SpaceX e la NASA analizzeranno i dati raccolti durante questo volo di prova e utilizzeranno queste informazioni per certificare l’equipaggio Dragon per i voli regolari da e per la ISS.

La prossima missione di SpaceX, pienamente operativa del Crew Dragon, sarà quindi solo tra qualche mese. Quel volo porterà un equipaggio di quattro persone: Gli astronauti della NASA Victor Glover, Mike Hopkins, Shannon Walker e l’astronauta giapponese Soichi Noguchi. Il loro volo è previsto per l’inizio dell’autunno, cementando una nuova era in cui le aziende commerciali porteranno regolarmente le persone verso la stazione spaziale della NASA.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui