Fa causa a Cartoon Network: donna condannata a pagare 22.000 euro

28 Giugno 2020 Off Di Flavia Nicolosi
Fa causa a Cartoon Network: donna condannata a pagare 22.000 euro

La redattrice e sceneggiatrice Louise Coats aveva citato in giudizio i produttori di ‘Lo straordinario mondo di Gumball’ sostenendo che si fossero presi il merito per il lavoro svolto da lei.

Inoltre, la donna afferma di essere stata vittima di molestie sessuali, concretizzatesi in commenti irrispettosi nei suoi confronti.

Coats ha affermato di essere stata licenziata in tronco si è ribellata a questi soprusi, e per rivendicare i suoi diritti ha immediatamente fatto causa ai responsabili.

Ma dopo una battaglia legale di due anni, un tribunale del lavoro ha stabilito che le affermazioni della sig.ra Coats erano prive di merito.

La condanna di Louise consisterebbe nel versamento della somma di £ 20.000 (circa 22.000 €) a beneficio dei produttori di Great Marlborough Productions – che inizialmente avevano richiesto £ 170.000.

Nelle loro motivazioni, i giudici del tribunale l’hanno accusata di aver fatto affermazioni “assurde” inerenti ai suoi capi e il comportamento a lei riservatole dato che le prove addotte si sono rivelate deboli e non in grado di conclamare la molestia subita.

Coats ha scritto per lo show di Cartoon Network ‘Lo straordinario mondo di Gumball’ fino a cinque anni fa.

Il cartone ha come protagonista Gumball, un gatto blu che vive con la sua famiglia, i Watterson, nella tranquilla e bizzarra città di Elmore, un’immaginaria città in California.

Oltre a Gumball e la sua famiglia sono presenti vari sgangherati e bizzarri personaggi che sono loro amici e conoscenti e con i quali hanno rapporti o competono in popolarità, e che hanno continuamente dei ruoli principali in ogni episodio.

Quando è stata contattata dal Sunday Mirror, Louise Coats ha dichiarato di non volersi arrendere ed è intenzionata a presentare ricorso.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui