Rambo, trama e curiosità sulla saga con protagonista Sylvester Stallone

16 Settembre 2020 Off Di Annarita Faggioni
Rambo, trama e curiosità sulla saga con protagonista Sylvester Stallone

Rambo: il primo capitolo cult della saga andrà in onda stasera alle ore 21.30 su Italia Uno. Cosa parla il primo capitolo della saga e quali sono gli altri capitoli che hanno fatto la storia del cinema d’azione?

Rambo First Blood

Rambo First Blood, ovvero Rambo Primo Sangue è il primo capitolo della serie. Nel primo capitolo, Rambo cerca in nella città di Hope un suo amico. Scopre, però, che è morto di cancro per via dell’esposizione di un agente cancerogeno durante il suo servizio pubblico.

Mentre vagabonda, lo sceriffo Teasle lo caccia. Quando l’uomo torna, lo sceriffo lo arresta e lo fa torturare. Rambo riesce a fuggire e si barrica su una collina. Chiamato dal Colonnello Samuel Trautman, contattato dalla polizia, l’uomo si finge morto. Poi, con un furgone, attacca lo sceriffo. Poi si arrende su consiglio del colonnello.

Il film andrà in onda stasera. La pellicola è uscita il 22 ottobre 1982 negli Stati Uniti e il 18 dicembre di quell’anno in Italia. Il film guadagnò 125 milioni di dollari nel mondo al cinema.

Rambo 2 – La vendetta

Rambo II riprende il finale del primo. Il colonnello chiede a Rambo di intervenire in Vietnam a salvare dei prigionieri. Il capo della missione, però, è corrotto e dice a Rambo di tornare con delle foto. L’uomo non si arrende e incontra Co, una vietnamita ribelle che gli è stata data come partner.

I due liberano un prigioniero, ma il capo corrotto gli manda contro l’esercito sovietico e quello vietnamita. Rambo informa Co che se si salveranno la porterà in America per sposarla, ma la donna muore durante un conflitto e Rambo si vendica con il sangue.

Libera quindi tutti i prigionieri e resta in Asia. Il film uscì nelle sale americane il 22 maggio del 1985 e guadagnò 300 milioni di dollari nel mondo del cinema.

Rambo 3

Rambo è in Thailandia e aiuta i monaci buddhisti, quando il colonnello lo chiama di nuovo. Stavolta, la destinazione è l’Afghanistan, per aiutare gli arabi contro i russi. Rambo si rifiuta.

Il colonnello, però, viene imprigionato dai russi, quindi Rambo decide di liberarlo in Pakistan. Rambo distrugge tutti i nemici, usando anche elicotteri e carri armati.

La pellicola uscì nelle sale americane il 25 maggio 1988 e guadagnò 16 milioni di dollari solo nel primo weekend negli Stati Uniti.

John Rambo

Rambo lavora su un battello al confine tra la Thailandia e la Birmania. Un gruppo gli chiede di scortarlo per portare aiuti umanitari ed evitare eventuali nemici. Rambo accetta.

Il gruppo viene imprigionato qualche tempo dopo e Rambo si unisce ai mercenari pagati per salvarli.

Così Rambo uccide vari soldati e libera i missionari, per risolvere la cosa in un quarto d’ora. Purtroppo, però, alcuni della squadra vengono imprigionati e Rambo corre a salvarli. Alla fine, complice anche una donna, decide di tornare negli Stati Uniti.

Il film è uscito nelle sale americane il 25 gennaio 2008 e in quelle italiane un mese dopo. In tutto, il film ha guadagnato nel mondo 113.200.000 dollari.

Rambo: Last Blood

L’ultimo e quinto capitolo della saga è del 2019 e si chiama Rambo: Last Blood, ovvero Rambo Ultimo Sangue. Il film si inaugura dopo diversi tentativi da parte di Stallone di recuperare la saga di Rambo, anche investendo in prima persona.

Dopo 11 anni dagli eventi dell’ultimo film (anche dall’uscita dello stesso film), Rambo gestisce un ranch in Arizona. La nipote della sua socia in affari gli rivela di avere un padre biologico in Messico.

La ragazza va quindi in Messico per incontrarlo, ma si caccia nei guai e sarà compito di Rambo salvarla. La ragazza, purtroppo, morirà di overdose per colpa del cartello messicano.

Dopo aver ucciso tutti i responsbaili, Rambo torna al ranch con l’impegno di ricordare i suoi cari.

Leggi anche => Deadpool, la saga: quanti capitoli sono? Curiosità e trama


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui