“I Bts si schierano con gli americani”, la Cina dichiara guerra agli idoli del K-pop

14 Ottobre 2020 Off Di roberto
“I Bts si schierano con gli americani”, la Cina dichiara guerra agli idoli del K-pop

La Cina ha intenzione di fare guerra all’ormai famosissima band Bts, amatissima dai fan del K-pop.

Le posizioni della band in merito alla Guerra di Corea non sono affatto piaciute a Pechino, che medita ritorsioni “pubblicitarie”.

Tutta colpa delle dichiarazioni di Kim Nam-joon, nome d’arte RM (Rap Monster), frontman della band sudcoreana. Durante una premiazione a New York, il cantante ha deciso di commemorare i 70 anni della Guerra di Corea soffermandosi sulla “storia di sofferenza comune” vissuta dalla Corea del Sud e dagli Stati Uniti nel conflitto durato tre anni, dal 1950 al 1953, che comportò la perdita di molte vite umane e una profonda devastazione del territorio.

Per la Cina, che partecipò a quella guerra schierandosi con i nordcoreani, i Bts si sono di fatto schierati a favore degli americani, non esattamente “amici” di Pechino, specialmente in questo periodo storico con la guerra commerciale in corso tra i due giganti.

“I BTS non debbono più guadagnare soldi cinesi, visto che non rispettano i sentimenti del popolo cinese”, è uno dei commenti che si legge in rete, specialmente sul popolare social cinese Weibo.

I quotidiani cinesi sono altrettanto scatenati contro i Bts, che rischiano di avere anche ripercussioni dal punto di vista commerciale. Basti pensare che alcuni colossi come Samsung e Hyundai hanno cancellato i loro spot pubblicitari con protagonista la band K-pop per non incrinare i rapporti con la Cina.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui