Mer. Ago 4th, 2021
tesla tequila

Quando è apparsa per la prima volta, la tequila di Tesla era una trovata dell’April Fools sull’account Twitter di Elon Musk. Si chiamava anche “Teslaquila“. Ma quel nome, alla fine, non sarebbe arrivato al prodotto finale – che invece era molto, molto reale.

Il nome “Teslaquila” non è possibile a causa delle normative del settore della tequila. La parola “tequila” è una denominazione di origine; significa che i diritti di usare questa parola appartengono solo all’agroalimentare della tequila. Ciò significa anche che nessuno può registrare la parola come propria proprietà.

Il problema del marchio è che “Teslaquila” è troppo simile alla parola tequila, secondo il Tequila Regulatory Council (CRT), l’ente responsabile della regolamentazione e dell’autorizzazione di tutti i processi relativi alla produzione, al consumo e al commercio della tequila. Martín Muñoz, capo dell’organismo di certificazione del CRT, ha detto che “Teslaquila” può causare confusione o fraintendimenti sull’origine del prodotto, e la legge messicana sulla proprietà industriale ha negato il marchio. In sostanza, poiché “Teslaquila” evoca la parola tequila, non può essere registrato come marchio.

Nel maggio 2018, un rappresentante legale ha tentato di registrare il marchio Teslaquila in Messico, l’unico paese in cui si produce tequila. Nel febbraio 2019, il CRT ha presentato la sua obiezione al marchio; nel marzo 2019, l’Istituto Messicano della Proprietà Industriale ha dichiarato che “Teslaquila” non può essere registrata perché troppo vicina alla parola tequila a denominazione di origine. In una risposta del 16 luglio, il team legale di Elon Musk ha contestato questa affermazione, dicendo che “Teslaquila” era una variante naturale di Tesla e il suffisso “-quila”. Il 16 gennaio è stata emessa la sentenza definitiva: l’Istituto Messicano della Proprietà Industriale ha dichiarato di non poter registrare il marchio.

Anche se il CRT ha respinto “Teslaquila”, non era il capolinea per il prodotto in sé, ma solo la fine di quel nome. Alla fine, il prodotto fu chiamato “Tesla Tequila“. Alla domanda su come questo abbia influito sui piani e sulla tempistica dell’azienda, Javier Verdura, product design director di Tesla, si è rifiutato di commentare.

Poi c’è stato un ostacolo che non era regolamentare: è arrivata la bottiglia di vetro a forma di fulmine Tesla Tequila. Il design è stato ispirato dall’icona delle mappe GPS di Tesla che mostra la posizione delle stazioni di ricarica. “Diversi fornitori ci hanno detto che le bottiglie di vetro erano impossibili da produrre in serie“, ha detto Verdura.

Verdura ha anche detto che rendere pubblica la tequila in questo momento ha poco a che fare con fattori esterni come la pandemia (e il fatto che il consumo di tequila sta salendo quest’anno), ma con il design unico della bottiglia.

Il 5 novembre, la bottiglia a forma di lampo è stata lanciata a 250 dollari; il giorno stesso ha fatto il tutto esaurito. “Non c’era dubbio che questo sarebbe stato il risultato”, ha detto Verdura. Il prodotto è stato prodotto da Nosotros Tequila, un marchio californiano. Tesla ha deciso di seguirlo perché “ha assaggiato diverse tequila e la loro tequila era la migliore.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui