Mar. Gen 31st, 2023
kim ki duk

Sta suscitando molta commozione nel mondo del cinema la morte di Kim Ki-duk, il cineasta sudcoreano autore di pellicole apprezzatissime dal pubblico, tanto da considerarlo legittimamente uno dei migliori registi asiatici contemporanei. 

Kim Ki-duk è deceduto all’età di 59 anni in seguito a complicazioni legate al contagio da Covid-19. A dare la notizia della sua morte è stato il regista russo Vitalij Mansky, direttore dell’ ArtDocFest/Riga, che ha confermato il decesso del collega sudcoreano all’ospedale della capitale lettone, dove era ricoverato. Kim Ki-duk era giunto in Lettonia per acquistare una casa a Jurmala, nota località marittima del Paese dell’Est Europa. 

Alcune opere del compianto regista – vincitore anche del Leone d’oro e del Leone d’argento al Festival di Venezia, oltre che del premio Un Certain Regard al Festival di Cannes – sono diventate dei veri e propri “cult” per gli appassionati di cinema. 

Tra i suoi film più noti c’è sicuramente “L’Isola”, pubblicato nel 2000, che ottenne un grande successo al Festival di Venezia. 

Altro grande successo è “Ferro 3 – La casa vuota”, da molti considerato come il punto più alto della sua produzione artistica: non a caso la pellicola permise a Kim Ki-duk di vincere il Leone d’argento per la miglior regia alla 61ma Mostra Internazionale del Cinema di Venezia e di ottenere anche una candidatura al David di Donatello come miglior film straniero. 

Infine, un’altra opera notevole del regista è “Pietà” (2012), vincitrice del Leone d’Oro. 


Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Instagram
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Google News
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram


Di roberto