Sab. Set 18th, 2021
tiger hyundai

Il pionieristico TIGER o “Transforming Intelligent Ground Excursion Robot” permetterà all’umanità di esplorare tutta una serie di ambienti inospitali in un modo mai vista prima.

Gli ingegneri hanno svelato un veicolo robotico senza equipaggio che può viaggiare su ruote o come una macchina a quattro zampe, in grado di muoversi nei luoghi più inospitali del mondo.

Il ‘Transforming Intelligent Ground Excursion Robot‘, o TIGER, è stato progettato da Hyundai Motor Group per trasportare carichi su terreni impervi.

Definito come il primo veicolo di mobilità definitiva senza equipaggio (UMV), il concept presenta un sofisticato sistema di locomozione delle gambe e delle ruote, un controllo direzionale a 360 gradi e una serie di sensori per l’osservazione a distanza.

La macchina high-tech sarà anche in grado di connettersi a veicoli aerei senza equipaggio (UAV), che possono caricarla e trasportarla nei luoghi inaccessibili.

TIGER è stato sviluppato dal New Horizons Studio di Hyundai Motor Group, con sede a Mountain View, California.

Il dottor John Suh, capo del New Horizons Studio, ha dichiarato: “Veicoli come TIGER, e le tecnologie che lo sostengono, ci danno l’opportunità di spingere la nostra immaginazione.”

“Siamo costantemente alla ricerca di modi per ripensare il design e lo sviluppo dei veicoli e ridefinire il futuro dei trasporti e della mobilità”.

Le capacità di TIGER sono progettate per funzionare come una piattaforma mobile di esplorazione scientifica in luoghi estremi e remoti e potenzialmente anche sulla luna.

Un ampio vano di carico alloggiato all’interno del suo corpo comporta che TIGER possa trasportare merci da consegnare o essere schierato per consegnare pacchetti di aiuti in situazioni di emergenza.

L’articolazione gambe-ruote permette al veicolo di affrontare una serie di situazioni estreme, mantenendo i carichi da trasportare più al sicuro di un normale veicolo di terra.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui