Mer. Giu 16th, 2021

Richiesto rinvio a giudizio per Ciro Grillo e i suoi tre amici nell’ambito dell’inchiesta di presunto stupro

La procura di Tempio di Pausania ha richiesto rinvio a giudizio per Ciro Grillo e i suoi tre amici nell’ambito dell’inchiesta presunto stupro ai danni di una ragazza italo-norvegese di allora 19 anni. La vicenda risale a luglio 2019 e sarebbe accaduta nell’abitazione di Grillo Jr a Porto Cervo, in Sardegna. L’udienza è stabilita per il prossimo 25 giugno.

Ciro Grillo, Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria sono accusati di presunta violenza sessuale anche dall’amica della ragazza per una serie di foto hard scattate mentre lei dormiva.

Dunque, due capi d’imputazione a carico dei quattro: il primo relativa alla violenza sessuale ai danni della giovane studentessa, approfittando delle sue condizioni d’inferiorità fisiche e psichiche dovute all’assunzione alcol, e il secondo inerente ai video e alle foto dannose per la dignità dell’amica della ragazza in cui compaiono i quattro imputanti. Anche in questo caso si indaga per stupro di gruppo.

L’interrogatorio

Intanto è stato ascoltato Grillo jr in gran segreto dai Carabinieri di Genova. Oltre a lui, anche Lauria e Capitta hanno chiesto di essere interrogati, ma poi hanno rinunciato. Il figlio del fondatore del M5S avrebbe sostenuto di non essere lui il giovane che compare nelle foto a fianco della ragazza che dormiva, poiché sarebbe già andato a dormire. Stando a quanto riportato da Open, non smentisce però di comparire in un secondo momento nei video girati quella notte, spiegando di “stare lontano” dalla ragazza e di non aver commesso nulla di “sconcio”.

La difesa

Sul fronte delle indagini, inoltre, i difensori degli inquisiti stanno conducendo delle ricerche sulle celle telefoniche agganciate dai protagonisti in diversi orari, per comprendere quanto tempo la vittima del presunto stupro abbia trascorso con i suoi aggressori all’interno dell’abitazione di Porto Cervo.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui