Mer. Giu 23rd, 2021

La Procura di Bologna apre un fascicolo per omicidio colposo contro ignoti: la famiglia vuole la verità

La Procura di Bologna ha aperto un’inchiesta contro ignoti per reato di omicidio colposo per indagare sulle modalità di decesso di Michele Merlo, cantante scomparso a seguito di un’emorragia cerebrale dovuta a una severa leucemia fulminante. A dichiararlo, è stato il procuratore capo Giuseppe Amato che ha spiegato che si tratta di un passaggio fondamentale per l’autorizzazione dell’autopsia.

Assieme ai legali, i genitori dichiarano di voler accertarsi se vi siano stati degli errori e/o omissioni antecedenti al ricovero al Maggiore che abbiano determinato irreversibilmente la sorte del proprio figlio“. I famigliari dell’artista hanno inoltre depositato una denuncia e richiesto il sequestro della salma e delle cartelle cliniche. Il papà Domenico ha parlato di “un medico poco professionale” e in particolare del discutibile trattamento subito da suo figlio al pronto soccorso: “Gli hanno prescritto degli antibiotici e l’hanno mandato a casa con 38-39 di febbre“.

In ogni caso, “Domenico e Katia, padre e Madre di Michele intendono ringraziare il personale medico e paramedico e i dirigenti del reparto rianimazione dell’Ospedale Maggiore di Bologna per la professionalità e umanità dimostrata nelle terribili ore che hanno preceduto la morte del proprio figlio”. Infine, i genitori hanno chiosato la nota per comunicare che la data dei funerali sarà resa pubblicata solo dopo che l’autorità giudiziaria avrà deciso quali azioni intraprendere.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui