Lun. Ago 2nd, 2021

Sparatoria ad Ardea: morti due fratellini di 5 e 10 anni e un anziano di 74 anni, il killer trovato morto

Salvatore Renieri, 74 anni e Daniel e David, due fratellini 5 e 10 anni sono rimasti uccisi nel corso di una sparatoria ad Ardea, provincia di Roma. I soccorritori hanno tentato di salvare i due bambini, ma le loro condizioni sono apparse subito molto critiche. Il killer, Andrea Pignani, 34 anni, si è rifugiato armato all’interno del Consorzio Romito, nel quale lavorerebbe. I militari con madre si erano collocati davanti l’edificio per cercare di contattare il figlio. Quest’ultimo è stato poi ritrovato senza vita all’interno dell’abitazione dopo il blitz.

Secondo le prime indiscrezioni, l’uomo si sarebbe suicidato. Alcune volte era già capitato che l’uomo uscisse di casa e sparasse in aria. Avevamo segnalato la cosa ma non si era capito se avesse un’arma vera o una scacciacaniqueste sono le dichiarazioni del presidente del Consorzio del Consorzio di via di Colle Romito ad Ardea, Romano Catini.

L’accaduto: dettagli

La tragedia è avvenuta in un parco pubblico via degli Astri, dove Andrea Pignani con problemi psichici ha ucciso i due piccoli e l’anziano di 74 anni, in quel momento in bicicletta. Stando alle dichiarazioni del sindaco Mario Savarese, l’accaduto sarebbe stato provocato da una lite futile.

Il presidente del Consorzio Romano Catino ha fornito alcuni dettagli dell’accaduto all’Ansa: “Abbiamo subito chiamato le forze dell’ordine che sono arrivate molto presto. Poi ho mandato subito un messaggio nella chat del consorzio per invitare tutti a restare in casa. Per fortuna molti dei consorziati erano al mare“. Catino ha inoltre rivelato qualche particolare in più sulla famiglia dell’omicida: “Era conosciuta nel quartiere per episodi di molestie e degrado. Più volte sono stati segnalati alle forze dell’ordine”.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui