Mer. Ott 27th, 2021
carolina di borbone

Il trionfo della Nazionale azzurra agli Europei ha mandato in visibilio l’intero Paese, con tantissime persone che si sono riversate nelle strade e nelle piazze di tutta Italia per festeggiare la vittoria ai rigori nella finalissima contro l’Inghilterra.

Anche molti personaggi pubblici si sono congratulati con la truppa guidata da Roberto Mancini e capitanata da Giorgio Chiellini. Tra questi non ha voluto essere da meno Carolina di Borbone, principessa delle Due Sicilie, discendente di Ferdinando II (soprannominato “Re Bomba”), penultimo Re del Meridione prima dell’Unità d’Italia.

Carolina, figlia di Carlo di Borbone e in possesso anche del titolo di Duchessa di Calabria e di Palermo, ha pubblicato un post su Instagram per celebrare gli Azzurri.

“Siamo Campioni d’Europa, bravissimi Azzurri”, ha scritto la giovane principessa, che ha da poco compiuto 18 anni. Carolina di Borbone ha postato anche una foto dove si mostra mentre brandisce una bandiera italiana e un megafono (su cui compare un’altra bandierina tricolore, ndr).

Ma l’entusiasmo della principessa delle Due Sicilie non è piaciuto affatto ad alcuni neoborbonici, che hanno criticato il tifo di Carolina di Borbone per la Nazionale italiana.

“Principessa…i vostri Avi…i NOSTRI RE….si staranno rivoltando nella tomba!!!”, ha scritto un utente come commento al post. “Ah. Adesso sei italiana? Dove vivi? In italia? Quella nazione fondata dai Savoia, nemici giurati della tua famiglia”, si legge in un altro commento, mentre qualche altro si è lasciato andare ad un “Vergogna” che non ha bisogno di interpretazioni.

Carolina di Borbone ha preferito non replicare, scegliendo invece di continuare a festeggiare il trionfo azzurro a Wembley. Attualmente, la principessa delle Due Sicilie vive all’estero e studia contemporaneamente Scienze Sociali, Marketing e Management ad Harvard e Fashion and Luxury Studies a Montecarlo.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui





Di roberto