Gio. Ott 6th, 2022
dolly real time vite al limite

I fan di Vite al Limite, il programma in onda su Real Time che affronta le vicende di persone con obesità patologica che scelgono di affidarsi alle cure del dottor Nowzaradan, sono sempre molto ansiosi di sapere se i protagonisti delle varie puntate sono riusciti a raggiungere i loro obiettivi.

I telespettatori si sono appassionati molto a Dolly Martinez, 25 anni, affetta da una pesante obesità che le ha causato anche un’insufficienza cardiaca e problemi respiratori. Il suo rapporto malsano con il cibo è iniziato quando era solo una bambina, con la dipendenza dalla droga di suo padre che ha costretto la madre ad occuparsi da sola della famiglia. Le cose sono peggiorate quando a Dolly è stato diagnosticato il Disturbo Bipolare mentre era ancora all’asilo.

All’età di 7 anni Dolly pesava già 55 chili: un peso che è aumentato considerevolmente nel corso degli anni, anche a causa di episodi di bullismo. All’età di 16 anni la giovane pesava 136 chili.

Quando si è presentata nella clinica del dottor Now, il suo peso era ormai arrivato a 269 chili. In un primo momento sembrava che le cose stessero andando per il verso giusto, grazie alla dieta fornita dallo specialista: tuttavia, con il passare del tempo, Dolly è ricaduta nelle sue debolezze.

In un anno, Dolly ha perso solo 18 chili e ha mostrato anche pochi progressi comportamentali dopo l’appuntamento con lo psicoterapeuta Matthew Paradise. Per questo, il Dr. Now le ha detto che non poteva sottoporla all’operazione chirurgica. Lo specialista l’ha invitata a continuare a seguire il suo piano e a vedere un terapeuta almeno una volta al mese. Come l’ha presa Dolly?

Stando a quanto emerge dai social, non sembra che la giovane abbia perso molti chili rispetto a prima. Di certo, dalle foto sembra che si sia riavvicinata a sua figlia (che era stata data in custodia, ndr): una prima notizia positiva, in attesa di ulteriori miglioramenti.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news?
Seguici anche su Instagram cliccando qui, su Facebook cliccando qui e su Google News cliccando qui





Di roberto