Gio. Ott 6th, 2022

La pagina Instagram è nella bufera per aver pubblicato un post disinformativo sui metodi contraccettivi: il post, i commenti e le scuse

Freeda, nota pagina social (che proviene dall’inglese “free” e Frida come la pittrice Frida Kahlo) che pubblica contenuti esclusivamente per la libertà femminile, è finita al centro di una polemica su Twitter e Instagram. A scaternarla è stato un post disinformativo relativo ai “metodi naturali di contracezzione”. La fake news in questione pubblicata e poi rimossa, ha provocato forte indignazione tra gli utenti che si sono scatenati con commenti piuttosto negativi e altri ironici.

“e comunque ci scherzo su ma sta cosa di freeda è agghiacciante soprattutto considerato che la pagina è probabilmente seguita da molte ragazzine che la prendono come una fonte di informazioni seria quel post è un danno allucinante non posso credere che sia reale” ha cinguettato un utente preoccupato per i contenuti di Freeda disinformativi per il pubblico soprattutto giovanile. 

 

“Freeda fa da sempre uscite problematiche ma questa è pura e semplice disinformazione, pure pericolosa. SEGNALARE” ha scritto qualcun altro avvisando gli altri utenti. 

“I followers di Freeda tra qualche anno dopo aver seguito i loro consigli sulla contraccezione” ha infine ironizzato qualcun altro.

Il post disinformativo sulla contraccezione

La nota pagina di informazione sessuale, nota migliaia di utenti social, ha pubblicato un contenuto tramite una infografica – informava i propri followers a proposito di una probabilità di servirsi di metodi contraccettivi naturali, al posto dei mezzi di contraccezione medica, come il profilattico e la pillola anticoncezionale.

Freeda a riguardo ha scritto così: “I metodi contraccettivi naturali che si possono usare sono 3: il primo-Tenere traccia ciclo, il secondo-controllare il muco cervicale e terzo-Monitorare la temperatura basale”. 

 

Vista la polemica mossa, Freeda ha pubblicato su Instagram un breve post di scuse:Non è la prima volta che commettiamo un errore; di errori in questi anni ne abbiamo fatti tanti, complice anche una crescita veloce. Non li abbiamo mai negati o cancellati, ma anzi abbiamo sempre cercato di viverli positivamente, come fonte per imparare a migliorarci. In questa circostanza particolare però abbiamo deciso di rimuovere i contenuti per non rischiare di veicolare informazioni scorrette. Non è un modo per negare l’errore, ma per riconoscerlo. Faremo del nostro meglio perché non si ripeta più”.

 

 

 


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news?
Seguici anche su Instagram cliccando qui, su Facebook cliccando qui e su Google News cliccando qui