Dom. Ago 14th, 2022

Temptation Island 2022 non andrà in onda. La notizia è ufficiale ed a commentare la chiusura di uno dei programmi più seguiti dell’estate è stato lo storico conduttore Filippo Bisciglia. L’ex gieffino ha parlato del popolare reality delle tentazioni attraverso un videomessaggio sui social, attraverso il quale ci ha tenuto a ringraziare tutti i fan e i telespettatori che lo hanno supportato negli ultimi anni.

Le parole di Filippo Bisciglia

Dopo otto anni, il reality sulle tentazioni Temptation Island è stato sospeso. La decisione sul programma Mediaset dell’estate ha spiazzato i numerosissimi telespettatori che hanno sempre seguito ciò che accadeva tra coppie e single. Il conduttore Filippo Bisciglia ha voluto commentare la chiusura del reality sui social. “Perché questo videomessaggio? Diciamo che io ho quasi un milione di follower su Instagram e sicuramente questo milione di follower l’ho raggiunto grazie a Temptation Island. Quindi come potete immaginare – ha detto l’ex gieffino – sto ricevendo tantissimi messaggi da due mesi a questa parte, ma soprattutto in quest’ultimo periodo dove mi scrivete ‘Filippo perché non ci sarà Temptation Island?’, ‘Filippo quanto ci mancherà Temptation Island!’, ‘Non so stare senza Temptation Island’, ‘Perché non ci dici nulla?’, ‘Perché non rispondi?’ Ecco sono qui a rispondere adesso”. .

Così Filippo Bisciglia ha deciso di spiegare la situazione e di prendere posizione in merito alla decisione di sospendere il programma: “Vi siete divertiti a commentare le puntate subito dopo la fine delle puntate. Gli amici di Instagram, Twitter, Facebook, e non vi nascondo che anche io alla fine di ogni puntata andavo a leggere i commenti e mi divertivo insieme a tutti quanti voi. Dall’altra parte però sappiate che anche a me fa tanto male non fare quest’anno Temptation Island”. Filippo ha ringraziato tutti per averlo supportato.

Quindi, il programma non andrà in onda per il suo anno consecutivo.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news?
Seguici anche su Instagram cliccando qui, su Facebook cliccando qui e su Google News cliccando qui