Mer. Nov 1st, 2023

Patrizia Cirulli è cantautrice, compositrice e autrice nata a Milano. Lucio Dalla l’ha definita voce e insolita e straordinaria. Tre volte finalista del premio Tenco e per altre tre vincitrice del Premio Lunezia ha collaborato con artisti del calibro di Sergio Cammeriere, Mario Venuti, Fausto Mesolella e Pacifico. Il suo ultimo album “Fantasia. La poesia di Eduardo in Musica” è un omaggio alla poetica di Eduardo De Filippo realizzato sotto la direzione musicale di Marcello Peghin contente una preziosa nota introduttiva a firma di Pasquale Scialò. Lo scorso 21 Aprile l’artista ha presentato l’album in un live concert all’Auditorium Novecento di Napoli.

D: Patrizia inizierei subito con il tuo rapporto con Napoli e la poesia di Eduardo. Come nasce tutto?

R: Qualche anno fa ho pubblicato un album, “Mille baci”, in cui ho musicato poesie di grandi poeti come Quasimodo, Garcia Lorca, Pessoa, D’Annunzio, Merini e altri in forma canzone.In quel disco c’è anche una poesia di Eduardo, “Quanno parlo cu te”, la sua prima che ho musicato.Incontrando il suo mondo poetico mi sono fortemente appassionata, è scattato qualcosa che mi ha fatto subito musicare altre sue nove poesie. Le opere teatrali di Eduardo sono immense e rappresentate in tutto il mondo, ma non tutti conoscono le sue poesie. In questi suoi testi ho trovato una modalità introspettiva e intima che ha risuonato molto con il mio sentire.Queste musiche le ho composte nei primi mesi del 2013 e sono rimaste nel cassetto per un po’ di tempo. Non sono napoletana e non ho mai avuto contatti diretti con la città e la sua lingua che ritengo meravigliosa e quasi sacra. Ho sempre apprezzato molto la canzone napoletana e gli artisti partenopei, ma non avevo mai cantato in napoletano. Quando lo scorso anno sono andata a Napoli per registrare il duetto con Dario Sansone (frontman dei Foja, ndr), ho avuto modo di vedere alcune parti della città e sono rimasta incantata per la sua bellezza.

D: Quanto è durata l’elaborazione e la lavorazione del tuo album “Fantasia. Le poesie di Eduardo in Musica”?

R: Come ti di dicevo, la musiche le ho composte nel 2013, quindi le canzoni erano pronte ma non era ancora arrivato il momento per la pubblicazione e sono rimaste chiuse nel cassetto.Nel settembre 2020 ho incontrato Marcello Peghin, musicista straordinario, a cui ho affidato la direzione per le registrazioni in studio. Marcello ha suonato tutte le chitarre e ha coinvolto altri grandi musicisti quali Maria Vicentini, Salvatore Maltana, Mauro Palmas, Paolo Zuddas e Salvatore Corazza. Le registrazioni sono appunto iniziate nell’autunno 2020 e si sono concluse nel febbraio/marzo 2021.

D: Hai ottenuto riconoscimenti nazionali come il Premio Lunezia e sei stata finalista 3 volte al Tenco. Nella tua carriera vanti collaborazioni con molti artisti nazionali. Possiamo dire che la musica nasce e viene anche impreziosita dagli scambi e gli incontri artistici?

R: Assolutamente sì. Ho avuto la fortuna di poter collaborare con grandi musicisti e artisti e da ogni esperienza è sempre nato qualcosa di significativo e prezioso, dai duetti son Sergio Cammariere e Mario Venuti, ai tanti musicisti come Fausto Mesolella, Giorgio Cordini, Vince Tempera, Massimo Germini. Anche in questo nuovo disco, lo scambio con i musicisti è stato straordinario.

D: Lucio Dalla ti ha definito “insolita e straordinaria”. Cosa ammiravi maggiormente di Lucio?

R: La sua musica e il suo modo di essere così particolare, una persona con il sorriso. Ha scritto canzoni meravigliose, parliamo di un grandissimo artista che aveva conservato una semplicità e umanità sorprendenti. Sono molto grata per le sue parole nei miei confronti, un ricordo che conserverò per sempre con devozione.

D: Dopo la presentazione dell’album quali saranno i tuoi programmi?

R: In questo momento, oltre alle presentazioni, stiamo lavorando per poter portare le poesie di Eduardo in concerto il più possibile. Tengo molto a questo lavoro e le energie si stanno concentrando su questo.Per il futuro c’è l’idea di un nuovo disco, ma è presto per parlarne.

Sergio Cimmino


Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Instagram
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Google News
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram