Mar. Gen 25th, 2022

Nato dalla mente di Stephen King, It è un prodotto culturale che (ci si perdoni il gioco di parole) rappresenta un vero e proprio culto dell’orrore.

Già dalla miniserie tv prdotta e trasmessa negli anni ’90 (intitolata in Italia ‘It – il pagliaccio assassino’) il personaggio di Pennywise / It è diventato il simbolo del terrore evocato da sadici clown e tale sarà il suo successo che molteplici saranno gli epigoni (come Art The Clown).

LEGGI ANCHE => Terrifier 2, lo staff al lavoro per il ritorno del terrificante Art The Clown: l’annuncio su Facebook

Dopo la miniserie, nel 2017 è stato lanciato il film dedicato a Pennnywise – ‘It: Chapter One’. E nel 2019 è arrivata la seconda parte del film ‘It: Chapter Two’.

Come nel primo capitolo – Pennywise commette un massacro e di seguito vi elenchiamo tutti coloro i quali il temibile pagliaccio assassino farà fuori (in maniera diretta o indiretta – eviteremo spoilers espliciti):

in primo luogo Adrian Mellon, bullizzato e pestato perché omosessuale e infine ucciso davanti al fidanzato dal clown; poi è il momento del Club dei Perdenti di affrontare il loro acerrimo nemico.

Non ci sarà Stan, che si suiciderà, sopraffatto dalla paura del ritorno del clown.

Verrà poi ucciso Henry Bowers, da 27 anni chiuso in manicomo, nemico dei Perdenti: evaso grazie ad It, verrà ucciso dop dei momenti di forte tensione.

In una fiera cittadina verrà ucciso da It Dean, un bambino che vive nella vecchia casa di Bill Denbrough (probabilmente il protagonista principale della storia, che nello specifico non riesce a salvare il piccolo).

Dopo a morire sarà un altro Perdente, Eddie – che in precedenza era riuscito a salvare Richie – ma le sue parole prima di spirare saranno fondamentali per sconfiggere It.

Non aggiungiamo nient’altro, tranne che (questo sì possiamo dirvelo ché è già abbastanza palese da queste ultime parole) che ci sarà un lieto fine.

E che i Perdenti capiranno che non è poi così male esserlo.

Ci sarà un terzo capitolo di It?

Pennywise sembra essere sconfitto per sempre e in tal senso le parole del regista Andrés Muschietti a ‘CinePOP’ sono abbastanza chiare:

“Questa è la conclusione del libro, quindi non è prevista una terza parte. Questa è la fine del viaggio dei Perdenti contro Pennywise. Ma, come tutti sappiamo, la mitologia è molto ricca, e nel libro di Stephen King, Pennywise esiste da un milione di anni, è in contatto con gli umani da almeno cinquecento anni e ritorna ogni ventisette anni. Quindi, se tornate indietro e indietro e indietro nel tempo, vedrete un sacco di drammi”.

Quindi, sebbene la vicenda dei Perdenti sembra essere finita, la leggenda di Pennywise potrebbe tornare sul grande schermo – ed in tal senso lo stesso regista non ha escluso di poter essere coinvolto in una futura regia.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui