Sab. Nov 12th, 2022

A cuore aperto, il doppiatore ed attore Luca Ward ha raccontato a ‘Oggi è un altro giorno’ la malattia della figlia Luna, avuta con la moglie Giada Desideri (si tratta della figlia minore della coppia, che in precedenza aveva avuto un maschio, Lupo – oggi 16enne).

LEGGI ANCHE => Chi è Luca Ward? Età, carriera e vita privata dell’attore e doppiatore

Non è la prima volta che Ward parla dei problemi di salute della figlia (che oggi ha 12 anni) e già lo scorso marzo ne aveva parlato durante una puntata di ‘Verissimo’ e aveva raccontato:

“Per me è stata una mazzata. Ti senti responsabile quando un figlio purtroppo nasce con una patologia importante… È un gene che si modifica nel momento del concepimento. Non riuscivo a metabolizzare questa cosa. Mia moglie, appena saputo di questa cosa, immediatamente ha capito la gravità ed importanza ed è diventata lei il capo famiglia”.

In questo caso, ospite di Serena Bortone, è sceso più nei dettagli – raccontando cos’è di fatto la Sindrome di Marfan (malattia rara del tessuto connettivo che può causare alterazioni ossee, oculari, cardiache e del sistema nervoso centrale): “Una cosa che abbiamo notato è il bacino asimmetrico e da genitori abbiamo iniziato a fare una serie di ricerche”.

E così dopo un anno di ricerche (a partire proprio da questo dettaglio) è arrivato il responso:

Non ne sapevamo assolutamente nulla, quando abbiamo aperto internet è stato un disastro totale. Io sono andato proprio giù, nonostante sono sempre stato un uomo forte. Qui potevo fare poco”.

E così la moglie Giada ha smesso di lavorare per dedicarsi completamente alla figlia: “Io ho continuato a lavorare, non l’ho ancora metabolizzata. Giada invece mi fa vedere che ormai è dentro il sistema”.

Il momento più duro, quindi, è giunto con la pandemia – che ha portato i genitori a non poter andare in Francia dove andavano solitamente a procurare dei busti correttivi per la figlia.

E così la piccola è stata costretta ad operarsi chirurgicamente prima del tempo: “Normalmente si fa a 18-19 anni, i rischi erano tanti. Non c’era scelta, l’alternativa era la morte per soffocamento”.


Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Instagram
Clicca qui per seguire NonSolo.TV su Google News
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram