La classe degli asini: trama e curiosità del film con Vanessa Incontrada e Flavio Insinna

31 Agosto 2020 Off Di Cristina Pezzica
La classe degli asini: trama e curiosità del film con Vanessa Incontrada e Flavio Insinna

Stasera va in onda il film drammatico ‘La classe degli asini’ con Vanessa Incontrada e Flavio Insinna; leggi la trama e scopri il cast e tutte le curiosità sul film.

Per l’ultima serata di Agosto, Rai 1 propone un biopic del 2016, ‘La classe degli asini’. Diretto da Andrea Porporati, il film si basa sulla storia realmente esistita della maestra Mirella Antonione Casale. Negli anni ’50 la donna combatté perché i bambini portatori di handicap fossero inclusi nelle classi “miste” insieme ai loro coetanei.

All’epoca infatti il concetto di inclusione sociale era molto diverso da quello attuale. I bambini e le bambine con disabilità (fisiche o psicologiche) erano interdetti dalle lezioni ordinarie. Per loro erano previste le “classi differenziali”, che non tenevano però conto delle necessità (anche sociali) dei ragazzi.

Contro questa realtà si batterono persone come appunto Don Luciano Milani e, appunto, la Casale, protagonista del film ‘La classe degli asini’.

‘La classe degli asini’: la trama del film

Il film inizia a Torino nel 1960. Mirella Antonioni Casale è la madre di una ragazzina disabile, dalle gravi difficoltà motorie. La donna, professoressa di scuola, si rende conto di quanto il sistema scolastico italiano sia restrittivo e ingiusto nei confronti dei bambini come sua figlia. Ciò la spinge ad interessarsi all’operato dei gruppi Anffas e ad affacciarsi al drammatico mondo delle famiglie con disabilità.

Contemporaneamente il professor Felice Giuliano si interessa al caso di un bambino meridionale, Riccardo, che ha difficoltà a fraternizzare con i suoi coetanei. Il piccolo viene spedito con la forza in una “classe differenziale” in quanto ritenuto troppo stupido per la scuola ordinaria. Il professor Felice però non è d’accordo. Quando capisce che Riccardo sta subendo vessazioni e abusi, l’uomo decide di fondare una “classe degli asini” per aiutare i bambini con difficoltà.

Un giorno Riccardo fugge dalla classe differenziale, per mettersi in salvo dalle percosse, e incontra la figlia di Mirella. Nonostante la bambina non mostri esternamente alcun tipo di emozione, Riccardo decide di provare comunque a stringere amicizia con lei. Le regala, così, un gattino randagio che scuote finalmente la ragazzina dal suo torpore.

Mirella e il professor Felice sono sconvolti quando apprendono delle continue persecuzioni subite da Riccardo nelle classi differenziali. Decidono così di denunciare il collegio. La struttura viene chiusa e i piccoli ospiti sono di nuovo liberi. Il passo successivo, però, è molto più arduo. Mirella e Felice, infatti, lotteranno perché i bambini disabili siano integrati nelle scuole normali…

Curiosità sul film

Come abbiamo anticipato, il film ‘La classe degli asini’ si ispira a una storia vera. Mirella fu davvero una delle promotrici più agguerrite delle ‘classi miste’. E il merito per l’abolizione delle classi differenziali è anche, per molti aspetti, il suo.

Nel film la combattiva professoressa ha il volto e l’umanità di Vanessa Incontrada. Il professor Felice Giuliano, invece, è interpretato da Flavio Insinna. Il presentatore non è nuovo a prove d’attore; ha recitato in ‘Don Matteo’, ‘Il partigiano Johnny‘ e perfino nel film tratto da ‘Bianca come il latte, rossa come il sangue’.

Il film si anche ispira all’omonima canzone che fu interpretata, fra gli altri, da Renzo Arbore. Il brano risale al 1948 ed è molto meno drammatico di quanto non implichi il film. Si tratta infatti di musica leggera, scanzonata e scherzosa, tipica di quei tempi. A questo link potete scaricare il testo.


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le ultime news? Seguici anche su Instagram cliccando qui e su Google News cliccando qui